Martedì, 22 Settembre 2015 12:28

Varoroufakis a Renzi, “non si è liberato di me ma della democrazia”

Scritto da

Varoufakis replica alla battuta di Renzi dopo la riconferma di Tsipras alle elezioni: “Anche 'sto Varoufakis se lo semo tolti di mezzo". 

La riposta è arrivata questa mattina direttamente sul blog di Varoufakis

"Signor primo ministro, lei non si è liberato di me, partecipando al vile golpe contro Alexis Tsipras e la democrazia greca lo scorso luglio, si è sbarazzato della sua integrità di democratico europeo, e forse della sua anima": così l'ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis risponde sul suo blog al premier Matteo Renzi che ieri aveva detto "Anche 'sto Varoufakis se lo semo tolti di mezzo". “Lei può rallegrarsi quanto vuole  - continua Varoufakis - per il fatto che io non sia più ministro delle Finanze e neanche parlamentare. Ma non si è 'liberato' di me. Sono politicamente vivo ed attivo, come mi ricordano le persone in Italia quando giro per le strade del suo bel Paese. No, ciò di cui si è sbarazzato, partecipando al vile golpe contro Alexis Tsipras e la democrazia greca lo scorso luglio, è la sua integrità di democratico europeo. Forse anche la sua anima. Fortunatamente, non è una cosa irreversibile. Ma deve fare seriamente ammenda. Non vedo l'ora che lei ritorni tra le fila dei democratici europei"

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]