Lunedì, 30 Novembre 2015 22:59

Anonymous sfida l’Isis e i poteri che l’alimentano

Scritto da

ROMA - "Isis: stiamo arrivando sempre più vicino ai tuoi padroni". E' la 'minaccia' contenuta nell'ultimo video pubblicato da 'OpParis', l'account Twitter riconducibile alla galassia di 'hacktivisti' di Anonymous, già responsabile per una serie di attacchi informatici contro profili ritenuti legati allo Stato Islamico. 

"Dopo il brutale attacco terroristico che ha colpito Parigi - dichiara un portavoce del collettivo di 'hacktivisti' adottando lo stile da telegiornale già usato in un video precedente - OpParis è nata per oscurare in rete quel cancro che i governi diffidano dal voler estirpare per l'evidente movimento di denaro che gira attorno all'Isis". 

"Anonymous - prosegue il portavoce dal volto coperto con la tradizionale maschera di Guy Fawkes - non si ferma davanti agli attacchi informatici in risposta ai nostri 12mila profili jihadisti oscurati negli ultimi 15 giorni: ci hanno insultati, ci hanno minacciati di morte. Ma Anonymous è una legione solida che agisce in tutto il mondo per il bene dei propri fratelli offesi nei loro diritti umani, calpestati da vigliacchi criminali.  "Sappiamo che ci temete, sappiamo che vi nascondete come topi in trappola: ricordate - conclude il video - che OpParis non si fermerà". 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]