Martedì, 08 Dicembre 2015 10:11

L'isis utilizza le armi consegnate all'Iraq. La denuncia di Amnesty

Scritto da

BAGHDAD- I trasferimenti irresponsabili di armi verso l'Iraq negli ultimi decenni sono all'origine del formidabile arsenale utilizzato oggi dall'Isis: la denuncia, corredata di un gran numero di dati, arriva da Amnesty International.

Basata sull'analisi di video e immagini, il rapporto sostiene che i miliziani del gruppo terroristico hanno avuto accesso a un "enorme arsenale di armi e munizioni", progettate o costruite in piu' di 25 Paesi e consegnate alle forze di sicurezza irachene da diversi Paesi occidentali ma successivamente cadute nelle mani dei dei terroristi. Tra le armi in questione, gli americani M16, fucili di precisione austriaci e russi, mitragliatrici cinesi e belghe; e ancora, per quello che riguarda il ruolo britannico, il rapporto sottolinea che molte armi piccole e leggere, esportate dalla Bosnia-Erzegovina e dalla Serbia nel Regno Unito nel 2005 e nel 2006, sono state poi ri-esportate in Iraq all'inizio del 2007, e molti di essi sono poi "andate smarriti". I dati sono allarmanti. Amnesty ha calcolato che l'Isis possa aver equipaggiato tre divisioni di un esercito convenzionale (una divisione conta normalmente 50mila/60mila soldati) con le armi di cui si e' impossessato solo nel 2014; oppure che la spesa militare dell'Iraq si e' moltiplicata per 15 in dieci anni, raggiungendo i 9,5 miliardi di dollari lo scorso anno. Tra gli altri dati-chiave enucleati nel rapporto, da notare che solo negli anni '80, durante gli anni della guerra con l'Iran, in Iraq e' finito il 12 per cento del mercato mondiale di armi; oppure che nel mesi successivi all'invasione americana del 2003, nel Paese finirono 650mila tonnellate di riserve di munuzione dell'esercito americano.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]