Martedì, 29 Dicembre 2015 13:23

Siria: l'Isis ha assassinato oltre 3700 persone

Scritto da

NICOSIA  - Dalla proclamazione del califfato sui territori occupati, in Siria l'Isis ha assassinato a freddo e non in combattimento piu' di 3.700 persone.

Lo ha reso noto l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell'opposizione non radicale in esilio con sede a Londra, secondo cui il totale dei morti in 18 mesi e' di 3.701, due terzi delle quali dei quali erano semplici civili: 2.001, per la precisione, compresi 106 donne e 77 minorenni. Giustiziati dopo la cattura 1.024 lealisti, tra soldati regolari e 'shabbiha', i paramilitari fedeli al regime di Bashar al-Assad. Esecuzioni sommarie al contempo per altri 255 prigionieri appartenenti pero' a fazioni insurrezionali avversarie, oppure ai qaedisti del Fronte al-Nusra o ancora ai peshmerga dell'Ypg, le Unita' di Protezione Popolare siro-curde. Uccisi infine almeno 420 miliziani dello stesso Isis, accusati di spionaggio, collaborazionismo con il nemico ma soprattutto di aver tentato di disertare. Vari i metodi di supplizio utilizzati dai jihadisti: dallo sparo in testa allo sgozzamento o alla decapitazione, dalla lapidazione al lancio delle vittime nel vuoto dalla sommita' di edifici.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]