Giovedì, 04 Febbraio 2016 22:16

L'allarme russo: la Turchia invadrà la Siria

Scritto da

MOSCA  - La Russia lancia l'allarme. La Turchia sta preparando un'invasione militare in territorio siriano.

"Abbiamo seri motivi per sospettare una intensa preparazione della Turchia per una invasione militare sul territorio della Repubblica araba siriana", ha detto il generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russa, come riporta Ria Novosti. "Osserviamo con crescente frequenza i segnali di preparazione segreta da parte delle forze militari turche ad azioni concrete sul territorio della Siria".

Intanto la Turchia ribatte: "La Russia continua a uccidere la gente in Siria. Potevano esserci colloqui di pace? In un contesto in cui i bambini vengono ancora uccisi, tentativi del genere non hanno alcuna funzione se non quella di rendere le cose più facili al tiranno". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan dal Perù, dove si trova per il suo tour in Sudamerica, a proposito dei colloqui di Ginevra sulla Siria, sospesi ieri dall'inviato speciale dell'Onu, Staffan de Mistura. Erdogan ha espresso dubbi anche sulla reale possibilità di una ripresa dei colloqui di Ginevra: "Ogni volta si incontrano, mangiano, bevono e poi se ne vanno. Ora hanno dato appunto a fine febbraio. Vedrete che appena sarà il 28 febbraio rinvieranno di nuovo". 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]