Domenica, 28 Febbraio 2016 12:05

Terrorismo. Arrestato in Algeria sospetto coinvolto in stragi di Parigi

Scritto da

BEJAIA (ALGERIA) - Un algerino residente in Belgio, sospettato di aver avuto legami con gli attacchi terroristici a Parigi commessi lo scorso novembre, è stato fermato con un provvedimento di custodia cautelare martedì scorso a Akbou, 75 km a ovest di Bejaia .

Lo riporta l'agenzia algerina Aps citando un comunicato della procura della Repubblica presso il Tribunale di Bejaia. Secondo il quotidiano Le Soir l'Algeria, si tratterebbe di Zouhir Mehdaoui, 29 anni, che ha lasciato l'Algeria nel 2012. La decisione di arrestarlo è stata presa dopo aver effettuato le relative indagini sul suo possibile coinvolgimento nel terrorismo e la sua possibile appartenenza ad un gruppo terroristico (attivo) all'estero. Zouhir Mehdaoui, avrebbe stretti legami con Abdelhamid Abaaoud, presunta mente degli attentati di Parigi. Sempre secondo il quotidiano locale, sarebbe l'uomo che appare nelle immagini in un 4x4 a fianco di Abaaoud trascinando con lui i corpi delle vittime dei combattimenti in Siria. Immagini contenute nel telefonino dello jihadista morto a Saint -Denis il 18 nove

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]