Domenica, 10 Aprile 2016 18:20

Idomeni, scontri alla frontiera tra migranti e polizia

Scritto da

ROMA - La polizia macedone ha usato gas lacrimogeni e granate stordenti contro centinaia di profughi che, dal campo di Idomeni in Grecia, hanno cercato verso le dieci e mezzo di mattina di forzare il confine. Decine di migranti sono rimasti feriti, in particolare con problemi respiratori. Tre di loro sono stati ricoverati all'ospedale di Kilkis, vicino a Idomeni, ha reso noto un portavoce di Medecins sans frontieres.

Fonti della polizia macedone denunciano il ferimento lieve di tre agenti colpiti dalle pietre lanciate da alcuni fra i migranti. Smentito l'impiego di proiettili di plastica, che viene denunciato invece da diverse vittime. I pochi migranti che sono riusciti a superare la barriera sono stati riaccompagnati in Grecia.

Come aveva reso noto il quotidiano greco 'Kathimerini', i migranti si erano mossi dopo che era stato diffuso nel campo, in cui sono bloccate dal mese scorso 11mila persone, un volantino in cui si proponeva una "marcia" verso il confine. "La situazione rimane tesa e la polizia è in stato di allerta", ha affermato una portavoce del ministero degli Interni macedone, intervistata dall'agenzia di stampa tedesca 'Dpa'.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]