Sabato, 06 Novembre 2010 08:52

L'America torna al lavoro

Scritto da

NEW YORK - Contro ogni previsione. 1000 ogni giorno di più. Giugno, luglio, agosto, settembre e ottobre. In origine stimati in 60mila.

Poi, superata quota 150mila. Ovvero 30mila nuovi posti di lavoro in media creati ogni mese negli ultimi cinque. Così l’America è tornata al lavoro. A fare economia, a crescere. A confermarlo, il Dipartimento del lavoro americano.  

La parte del leone l’ha fatta il settore privato: dallo scorso aprile sono state infatti 159mila le nuove assunzioni, il doppio rispetto alle 80mila previste dagli economisti. La buona notizia è che la crescita dell’occupazione deriva sia dal manifatturiero che dal settore dei servizi.

Ma Ben Bernanke non è soddisfatto, ne vorrebbe di più: 6 volte tanto, 200mila nuovi posti al mese. E, a poche ore dalla manovra di stimolo da 600 miliardi di dollari, il presidente della Federal Reserve ha ammesso la lentezza del calo della disoccupazione, stabile al 9,6%.

Per Obama, tuttavia, la notizia dei nuovi occupati è positiva e fa ben sperare. Anche se il secondo dato, il lato b della medaglia, resta inaccettabile.

Il problema, come fanno osservare, è che la crisi se da un lato ha bruciato 8 milioni di posti di lavoro, dall'altro ha prodotto una scia di aziende che, seppur in utile, hanno continuato a licenziare. Quello che poi è avvenuto è una classica illusione ottica per cui alla ripresa economica del sistema è seguito il fuori sincrono della ripresa occupazionale.

Bernanke sottolinea, a questo proposito, come ancora oggi le aziende siano restie nel procedere con nuove assunzioni nonostante si registrino i primi e deboli segnali di ripresa. Ed è per questo che ha deciso di iniettare, e conferma si ripeterà, liquidità nel sistema.

Anche perché nessuno sa se questa ripresa sarà sostenibile al punto di ridurre in modo sostanziale la disoccupazione. Dal suo “asian tour”, intanto, il presidente americano, fa sapere di essere aperto a tutte le soluzioni.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]