Venerdì, 06 Maggio 2016 07:54

Bangladesh. Condannato a morte il despota islamico Motiur Rahman Nizami

Scritto da

DACCA - Una sezione di Appello della Corte suprema del Bangladesh ha respinto un estremo ricorso del leader del maggior partito islamista contro la sua condanna a morte per omicidi e atrocita' commessi durante la guerra di indipendenza dal Pakistan del 1971.

Lo riferisce oggi il portale di notizie BdNews24. Motiur Rahman Nizami, capo del partito Jamaat-e-Islami, e' stato condannato l'anno scorso da un tribunale speciale per i crimini di guerra per 16 capi di imputazione, fra cui genocidio, omicidio, tortura, stupro e distruzione di proprieta'. Il rigetto del ricorso di Nizami, formulato dal presidente della Corte suprema Surendra Kumar con la sola parola "respinto!", toglie l'ultimo ostacolo giuridico alla sua impiccagione, restando ora solo l'improbabile ipotesi di una grazia presidenziale.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]