Lunedì, 16 Maggio 2016 11:19

Cina. 50 anni fa la rivoluzione culturale. I media tacciono

Scritto da

PECHINO - Il 16 maggio di 50 anni fa il presidente Mao Zedong lanciò la Rivoluzione Culturale.

Fu una catastrofe che sconvolse la Cina per dieci anni fino alla morte del Grande Timoniere nel 1976, ma oggi i media ufficiali praticamente non ne parlano. Sui social media ogni riferimento a quegli anni è stato cancellato, mentre a professori e accademici, rivela il quotidiano canadese Globe and Mail, è stata inviata una nota un mese fa che vieta ogni discussione sul tema. Eppure, nella Cina di oggi aperta al mercato, le ferite di quegli anni non sono ancora del tutto rimarginate. Nel 1966 Mao si rivolse ai giovani per distruggere le vecchie abitudini tradizionali e gli "elementi borghesi infiltrati nella società". Sotto la sua guida, le Guardie Rosse distrussero templi e scuole, mentre i figli denunciavano i genitori, gli allievi picchiavano gli insegnanti e li cacciavano dalle aule, gli intellettuali venivano esiliati. Fu un periodo di caos e d''isteria collettiva, dove bastava la denuncia di un vicino per essere etichettati come "nemici di classe". Secondo alcune stime, in quei dieci anni fra 1,5 e 1,8 milioni di persone furono uccise o spinte al suicidio. I perseguitati politici furono 36 milioni, molti dei quali destinati alla "rieducazione" in remote località rurali o rinchiusi in carcere. La rivoluzione culturale fu anche segnata da un vero e proprio culto della personalità attorno a Mao, che ne approfittò per epurare tutti i rivali interni. 

Praticamente nessuna famiglia sfuggì alle conseguenze di quel periodo che nel 1981 il Partito Comunista cinese definì "I 10 anni di catastrofe". Ma dato che il partito unico al potere è rimasto sempre lo stesso, si preferisce non approfondire quanto è successo. Tanto più che, nella società cinese, c''è chi teme che certi eccessi si possano ripetere nell''ambito della campagna anti corruzione lanciata dal presidente Xi Jinping, spesso usata per eliminare rivali interni. Oggi a parlare dell''anniversario della Rivoluzione culturale sono solo i giornali di Hong Kong, dove vige maggiore libertà che nella Cina continentale. Sui media ufficiali le eccezioni sono poche: Phoenix Tv ha chiesto ad alcuni giovani di definire quegli anni in una parola, ottenendo risposte come "follia", "grande calamità", "idealismo" e "confusione". Il Global Times si limita invece a commentare che "la Rivoluzione culturale rimane un tema divisivo". 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]