Lunedì, 30 Maggio 2016 16:55

India. Ragazza di 15 anni stuprata e impiccata a un albero

Scritto da

NUOVA DELHI - Ancora violenze sessuali in India e ancora un raccapricciante episodio contro un'adolescente di appena 15 anni, rapita, stuprata, uccisa e poi appesa ad un albero nel tentativo di simulare un suicidio. Il fatto è avvenuto nel distretto di Bahraich, nello stato dell'Uttar Pradesh, lo stesso dove due anni fa due cuginette di 12 e 14 anni vennero uccise con le stesse modalità.

Secondo quanto riferito da alcuni media locali, la 15enne è stata aggredita venerdì sera poco dopo essere uscita di casa per andare in bagno o, come sostengono altri, per incontrare uno dei suoi stupratori killer in un luogo appartato. Il cadavere è stato trovato due giorni dopo su un albero nell'area di Nanpara, a circa 3 km dalla sua abitazione. 

Quattro poliziotti sono stati sospesi per negligenza, mentre due delle tre persone accusate dal padre della vittima sono state arrestate. Nella denuncia presentata nel locale commissariato, il padre della ragazza ha sostenuto che gli accusati avevano già in passato tentato di rapire sua figlia, fallendo però nell'intento.

Il caso ha suscitato un'ondata di indignazione pubblica, con gli attivisti per i diritti delle donne che si sono scagliate contro il partito Samajwadi al potere in Uttar Pradesh, e contro il Bharatiya Janata Party, il partito del premier indiano Narendra Modi.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]