Mercoledì, 01 Giugno 2016 11:08

Contro la riforma del lavoro altri scioperi. La Francia si ferma

Scritto da

PARIGI - Non si ferma la protesta in Francia contro la legge di riforma del mercato del lavoro, che si unisce alle rivendicazioni settoriali.

A nove giorni dall'inizio degli Europei di calcio, oggi scioperano gli addetti delle ferrovie e si prevede che da un terzo a meta' dei treni si fermeranno o subiranno ritardi, tra cui il 60% dei Tgv e il 30-40% dei treni regionali. Non subiranno interruzioni i collegamenti internazionali tra Francia e Inghilterra, mentre per quelli verso Italia e Spagna sono previsti ritardi. E' l'ottavo sciopero dei lavoratori della SNCF dall'inizio delle proteste contro la riforma del lavoro. In sciopero anche i lavoratori del metro di Parigi. "Questa settimana - annuncia il leader della Cgt, Philippe Martinez - assisteremo alla mobilitazione piu' forte da tre mesi a questa parte". Anche i piloti di Air France hanno minacciato di scioperare nelle prossime settimane contro i tagli dei salari. I lavoratori dei terminali del porto di Le Havre, che rifornisce tre raffinerie e gli aeroporti di Parigi, hanno votato per l'estensione dello sciopero a oggi.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]