Lunedì, 19 Settembre 2016 18:22

Usa. Arrestato Rahmani, le sue impronte sulla bomba

Scritto da

NEW YORK- La polizia ha arrestato il 28enne ricercato di origine afghana Ahmad Khan Rahmani sospettato di essere dietro gli attacchi di ieri a New York. 

Ahmad Rahami, il 28enne sospettato di essere dietro le bombe a New York e nel New Jersey, è stato identificato grazie ad un'impronta digitale trovata su una delle bombe inesplose. Lo ha riferito una fonte della sicurezza americana citata dai media. Il sospetto, prima di essere catturato, ha sparato ai poliziotti, ferendone uno alla mano, mentre il secondo è stato colpito al giubbotto antiproiettile. La fuga di Rahami è finita dopo che il proprietario di un bar di Linden lo ha individuato mentre dormiva in un'auto ed ha allertato la polizia, ha raccontato il sindaco della cittadina del New Jersey. Appena gli agenti si sono avvicinati, lui ha aperto il fuoco. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]