Martedì, 20 Settembre 2016 08:18

Usa. Rahami ora è accusato di tentato omicidio

Scritto da

NEW YORK - Ahmad Rahami, il 28enne di origine afghana sospettato per le bombe di New York e nel New Jersey, è stato formalmente incriminato con cinque capi d'accusa per tentato omicidio, mentre non sono state ancora formulate le accuse relative alle esplosioni.

Il procedimento è stato aperto dalla procura di Union County ed è collegato alla sparatoria di ieri a Linden, dove Rahami è stato arrestato dopo aver aperto il fuoco contro gli agenti, ferendone due. Secondo le prime informazioni, l'uomo non starebbe collaborando con gli inquirenti. 

Le autorità ritengono Rahami "il principale" sospetto per le esplosioni di New York e nel New Jersey, ma le indagini continuano per cercare di capire se l'uomo - che si è recato più volte in Afghanistan e Pakistan, dove ha una moglie - abbia ricevuto aiuto di qualche tipo, hanno riferito fonti investigative alla Cnn. Il vice direttore dell'Fbi, William F. Sweeney Jr., ha confermato che le autorità "hanno stabilito un legame diretto" di Rahami con le esplosioni e che "non ci sono indicazioni" di una cellula attiva operativa nell'area. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]