Venerdì, 23 Settembre 2016 07:50

Tregua Siria. Salta l’accordo, bombe su Aleppo

Scritto da

DAMASCO - La riunione a New York del gruppo di sostegno sulla Siria guidato da Stati Uniti e Russia si è conclusa con un nulla di fatto. Le due parti non sono riuscite a trovare un accordo, dopo che lunedì la tregua era stata rotta dal bombardamento di un convoglio umanitario delle Nazioni Unite, che ha ucciso almeno 20 persone. 

L'inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha parlato di una riunione "lunga, dolorosa e deludente". Il segretario di Stato, John Kerry, invece ha puntato il dito contro Mosca. "Ci sarà una tregua solo se la Russia sarà seria", ha detto ai reporter uscendo dalla riunione. Di certo tra le due parti è fondamentale chiarire le posizioni sul bombardamento del convoglio Onu. Gli Stati Uniti sin dall'inizio hanno dato la colpa alla Russia. 

Il Cremlino si è da sempre tirato fuori, sostenendo che nell'area del bombardamento, nella provincia di Aleppo, ci fossero alcuni droni americani Predator in volo. Il ministro degli esteri russo, Sergey Lavrov, ha lasciato la riunione di fretta. "Non è successo niente", ha detto allontanandosi, ricordando che "è fondamentale una soluzione politica", ma che allo stesso tempo non è possibile concedere spazio a Isis e al fronte al Nusra a causa della assenza di un cessate il fuoco. In pratica Lavrov sostiene che la Russia e il regime di Bashar al Assad si siano impegnati per rispettare la tregua, mentre alcuni gruppi di ribelli sostenuti dall'America non abbiano fatto altrettanto. Kerry ha dal canto suo ricordato che sono la Siria e la Russia a non fare la loro parte. Alla riunione di ieri l'America - con il sostegno anche dell'Italia - ha chiesto a Mosca di impegnarsi per mantenere a terra gli aerei e gli elicotteri per qualche giorno, creando le basi per ricominciare un cessate il fuoco duraturo. 

Proposta evidentemente scartata dal Cremlino. Intanto dalla Siria arrivano ulteriori notizie drammatiche. Assad infatti ha ordinato un nuovo attacco ad Aleppo, per "combattere i terroristi che si trovano nell'area", si legge in una nota pubblicata dall'agenzia di stato Sana. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]