Giovedì, 07 Luglio 2011 19:45

Lei vuole divorziare, lui costruisce una sedia elettrica per ammazzarla

Scritto da

LONDRA - Sembra quasi un racconto horror, ma non lo è affatto. Lei, di soli 18 anni chiede il divorzio, ma lui, 61 anni non vuole. E allora che fa il marito umiliato? Semplice, modifica la sua poltrona di casa rendendola una vera e propria sedia elettrica con tanto di filo di metallo collegato alla corrente elettrica. Poi invita la consorte a sedersi e infine tenta di dare il via alla tremenda scossa che la porterà a morte sicura.

Così Andrew Castle ha tentato di far fuori la giovane consorte nella sua casa nel Lancashire. Un piano che sembrava molto facile. Ma prima che lui inserisse la spina lei si è alzata, probabilmente ha avuto qualche sospetto. A qual punto il potenziale killer, visto sfumare il piano omicida, ha tentato di far sedere la donna, ma ne è nata una collutazione durante la quale la moglie ha avuto la meglio ed è riuscita a fuggire e andare dalla polizia. Il marito è stato così arrestato e condannato a dieci anni di carcere per tentato omicidio.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]