Lunedì, 07 Novembre 2016 11:25

Facebook, Procura Monaco indaga Mark Zuckerberg per istigazione a odio

Scritto da

BERLINO - La procura di Monaco ha confermato stamane l'avvio di un'inchiesta nei confronti del numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, a seguito di una denuncia per "istigazione all'odio" razziale.

L'inchiesta, che è ancora nella fase preliminare, vuole chiarire se "possa essere riscontrato un atteggiamento penalmente rilevante" nei confronti di Zuckerberg e di altre nove responsabili del colosso di internet per non aver rimosso alcune pagine e contenuti dalla piattaforma. E' la prima volta che la giustizia tedesca accetta di esaminare una denuncia di questo genere e la procura dovrà infatti verificare se "il diritto tedesco può applicarsi a questo caso", poiché esso non prevede l'incriminazione penale di entità giuridiche, ma solo di persone fisiche, quindi dei dirigenti di Facebook. Da alcuni mesi Facebook è nel mirino delle critiche in Germania, rimproverato di essere troppo tollerante nei confronti di alcuni utenti che esprimono opinioni razziste, antisemite e incitano a violenze omicide, ancor di più a seguito della crisi migratoria dello scorso anno. Dell'indagine aveva scritto la scorsa settimana il settimanale Der Spiegel.  

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]