Martedì, 08 Novembre 2016 09:11

Siria. A Mosul e Raqqa l’Isis sotto scacco

Scritto da

DAMASCO - I jihadisti dello Stato islamico stanno perdendo terreno attorno alle loro roccaforti in Iraq e Siria, Mosul e Raqqa, con l'avanzata delle forze governative irachene e dei combattenti arabo-curdi.

In Siria, l'operazione "Ira dell'Eufrate" destinata a isolare la città settentrionale di Raqqa, lanciata sabato scorso, ha permesso alle Forze democratiche siriane di avanzare da Nord verso la regione desertica. "Ci siamo impossessati delle armi" dell'Isis "e abbiamo ucciso un gran numero di combattenti", ha affermato il portavoce dell'offensiva, Jihan Sheikh Ahmad. A Mosul, invece, i jihadisti presenti in città - in un numero tra 3.000 e 5.000 - sono ormai quasi circondati e nella morsa delle forze governative sostenute dagli Stati uniti. In Siria, gli arabo-curdi hanno anche conquistato il villaggio di Abu Ilaj, a soli 30 km da Raqqa, dove i combattenti hanno scavato trincee e accumulato sacchi di sabbia "per evitare che i jihadisti possano infiltrarsi e lasciare le auto imbottite di esplosivo". Domenica, salutando l'inizio dell'offensiva su Raqqa, il segretario alla Difesa Usa Ashton Carter aveva avvertito che, "come a Mosul", "la battaglia non sarà facile e il lavoro da fare sarà duro". 

"La prima fase sarà quella di isolare Raqqa" tagliando le principali vie di comunicazione con l'esterno, ha avvertito da parte sua il Centcom, il comando delle forze americane in Medio Oriente. In Iraq, invece, dopo essere entrati a Mosul da Est, le truppe irachene si stanno spostando verso Sud, dove hanno già conquistato la città di Hamam al Alil, a una quindicina di chilometri dalla periferia della roccaforte dell'Isis. Qui è stata scoperta una grande fossa comune con almeno "100 corpi con le teste mozzate". A Nord-Est, inoltre, i combattenti curdi hanno lanciato l'assalto a Bachiqa, dove è in corso una caccia ai jihadisti "casa per casa". "Fino a sette quartieri" di Mosul sono ormai controllati dalle forze dell'antiterrorismo", ha dichiarato il portavoce Sabah al Noman. Il Pentagono ha annunciato ieri che gli Stati uniti sono impegnati con elicotteri d'attacco Apache, utilizzati soprattutto per la distruzione di auto imbottite di esplosivo che i kamikaze dell'Isis lanciano contro le truppe filogovernative. Il numero di civili sfollati dall'inizio della battaglia di Mosul ha ormai superato i 34.000, secondo un nuovo bilancio dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]