Martedì, 12 Luglio 2011 12:34

Pakistan. La Cia reclutò un medico per ottenere il Dna di Bin Laden

Scritto da

ISLAMABAD - Prima del raid con cui a maggio uccise Bin Laden, la Cia organizzò una finta campagna di vaccinazione, al fine di ottenere il Dna del terrorista di Al Qaeda. Lo sostiene il quotidiano inglese The Guardian, che spiega come i servizi segreti Usa reclutarono sul posto Shakil Afridi, un medico pakistano, per compiere la 'missione'. Il medico è stato poi arrestato dall'Isi - i servizi segreti pakistani -, appunto per collaborazione con la Cia.

Questo arresto ha portato ulteriore tensione nei rapporti tra gli Stati Uniti e il Pakistan. Adesso la Casa Bianca - continua The Guardian - sta cercando di liberare il medico, temendo per la sua incolumità. Il giornale inglese aggiunge che per rendere più credibile la messa in scena gli americani iniziarono a fare dei prelievi nei quartieri poveri di Abbottabad, la città in cui era nascosto Bin Laden.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]