Lunedì, 21 Novembre 2016 10:48

India, disastro ferroviario, 142 morti

Scritto da

NEW DELHI - E' salito a 142 vittime il bilancio del deragliamento di un convoglio ferroviario avvenuto in India alle prime ore di domenica: "Al momento - ha dichiarato il responsabile locale della polizia, Zaki Ahmed - abbiamo recuperato 142 corpi, 115 dei quali sono stati identificati".

Quattordici vagoni del treno partito dalla città occidentale indiana di Indore e diretto a Patna, nell'est del paese, sono usciti dai binari vicino alla zona di Pukhrayan, nello stato settentrionale dell'Uttar Pradesh. Cinquanta feriti gravi sono stati ricoverati in ospedale, ha reso noto Ahmed, mentre altri 150, con ferite più leggere, sono stati dimessi. "Le squadre di soccorso - ha intanto comunicato il portavoce delle ferrovie indiane, Anil Saxena - hanno lavorato tutta la notte alla ricerca di superstiti. Alcuni gruppi sono ancora al lavoro perché uno dei vagoni è incastrato su un altro". La maggior parte delle vittime erano passeggeri di tre vagoni letto. A bordo del convoglio viaggiavano circa 2500 persone. 

La polizia fa sapere che le squadre di soccorso hanno terminato le ricerche di corpi tra i resti del convoglio. Il sistema ferroviario indiano, più volte sotto accusa per la sua scarsa sicurezza, trasporta ogni giorno 23 milioni di persone.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]