Sabato, 26 Novembre 2016 07:54

E' morto Fidel Castro, il leader maximo di Cuba

Scritto da

L'AVANA - Fidel Castro, il 'Lider maximo' della rivoluzione cubana, è morto alle 22,59 del 25 novembre 2016. Lo ha annunciato il presidente Raul Castro, il fratello a cui Fidel aveva ceduto il potere nel 2008 con un messaggio sulla tv di stato concluso con il celebre "Hasta la victoria, siempre" (Fino alla vittoria, sempre).

Raul Castro, al potere dal 2006, ha annunciato la morte del Lider Maximo poco dopo la mezzanotte ora cubana, le 6 di sabato mattina in Italia. Una delle figure mondiali di maggior spicco nella seconda metà del ventesimo secolo, Fidel Castro ha avuto un'influenza fuori dal comune e decisamente superiore alle piccole dimensioni dell'isola caraibica. Molti tentativi degli Stati Uniti di assassinarlo, secondo alcune fonti, sono andati a vuoto. 

Il padre della rivoluzione cubana aveva compiuto 90 anni lo scorso 13 agosto. Il suo corpo sarà cremato, ha detto Raul. 

Fidel è' stato uno dei principali e controversi personaggi politici della seconda metà del ventesimo secolo, simbolo della lotta antimperialista. "Condannatemi, non importa, la storia mi assolverà", disse durante il processo per l'assalto alla Moncada, evento fallimentare ma che sarà ricordato come l'inizio della rivoluzione cubana. Una rivoluzione capace di resistere agli Stati Uniti, alla dissoluzione dell'impero sovietico, all'isolamento, su cui un giudizio unanime non sarà mai possibile.Fidel Castro, del quale il fratello Raul ha annunciato oggi la morte, nacque il 13 agosto 1926 a Biràn, un villaggio cubano nella provincia meridionale di Holguin, dove il padre possedeva 23.000 acri di piantagioni. Dopo aver studiato a Santiago di Cuba si trasferì all'Avana, dove frequentò un esclusivo collegio gesuita, dal 1941 al 1945, per poi iscriversi alla facoltà di Diritto. All'università aderì alla lotta antimperialista, convinto del ruolo opprimente degli Stati Uniti sul destino di Cuba, schierandosi apertamente contro il presidente cubano, Ramon Grau. Nel 1948, sposò Mirta Diaz-Balart. Agli inizi degli anni '50 cominciò la sua battaglia contro il generale Fulgencio Batista, tornato a guidare il Paese con un colpo di Stato. Castro organizzò un assalto armato alla caserma della Moncada, il 26 luglio 1953, che si concluse in modo drammatico: più di 80 assalitori furono uccisi, mentre Castro, fatto prigioniero, fu processato e condannato a 15 anni di prigione. Rilasciato grazie a un'amnistia generale nel maggio del 1955, andò in esilio in Messico e Stati Uniti.  

Castro, però, non aveva intenzione di rinunciare alla lotta per Cuba. Insieme ad altri 81 rivoluzionari, tra i quali Che Guevara, raggiunse clandestinamente Cuba, dal Messico, a bordo dello yacht Granma. Dopo due anni di guerriglia, le forze di Castro entrarono trionfalmente all'Avana il giorno di Capodanno (1959) dopo la fuga di Batista e Fidel assunse la carica di primo ministro, ricoperta per decenni insieme a quelle di capo delle forze armate e primo segretario del Partito comunista cubano. Castro provò subito ad affrontare i gravi problemi di Cuba con una serie di drastici provvedimenti, come le espropriazioni, che colpirono anche gli interessi degli Stati Uniti. Dal punto di vista sociale, famosa fu la sua campagna per l'alfabetizzazione, soprattutto nelle zone rurali. La tensione tra Cuba e Stati Uniti crebbe in poco tempo, raggiungendo il suo culmine con il fallimentare tentativo statunitense di rovesciare il governo rivoluzionario, con lo sbarco di dissidenti addestrati e finanziati dalla Cia nella Baia dei Porci, il 17 aprile 1961.

Quest'operazione spinse Castro sempre più vicino all'Unione Sovietica. Dopo la crisi internazionale dell'ottobre 1962, conclusasi con il ritiro da Cuba dei missili sovietici e l'impegno statunitense a non aggredire l'isola, Castro perseguì una politica di relativa autonomia dall'Urss, orientata in senso terzomondista. Dopo il varo dalla nuova Costituzione cubana (febbraio 1976), Castro fu eletto presidente del Consiglio di Stato (capo dello Stato), carica che si aggiunse alle altre. Dopo lo sgretolamento dell'Unione Sovietica, suo principale partner economico, Castro si trovò sempre più isolato in seno alla comunità internazionale. Nonostante l'introduzione di parziali riforme economiche e politiche, Castro continuò a rivendicare la sua fedeltà ai principi comunisti. Nel febbraio 2008, il Lider maximo si dimise dalle cariche ricoperte per quasi mezzo secolo, lasciando la guida del Paese al fratello Raúl, che già lo aveva sostituito pro tempore nell'estate 2006 per i suoi problemi di salute. Il 19 aprile 2011, in occasione del congresso del Partito comunista cubano, Fidel Castro si dimise anche dalla carica di Primo segretario del partito, l'ultima che deteneva ufficialmente.  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]