Sabato, 26 Novembre 2016 08:00

Referendum in Svizzera per dire stop al nucleare

Scritto da

ZURIGO - La più vecchia centrale nucleare al mondo ancora in attività si trova in Svizzera: Beznau I, che risale al 1969.

Adesso è ferma da diciotto mesi, ma potrebbe ripartire. Assieme alle altre 4 centrali nucleari presenti oltralpe produce il 40% dell'energia elettrica del Paese. Tutte le centrali svizzere dispongono di una licenza d'esercizio illimitata e potrebbero restare attive finché sono sicure. E proprio questo è il punto al quale i promotori dell'iniziativa, che sarà sottoposta al voto popolare domenica, vogliono opporsi. Se ci sarà una maggioranza di 'sì', tre centrali saranno chiuse già nel 2017, un'altra nel 2024 e l'ultima nel 2029. Il Consiglio federale, cioè il governo elvetico, è contrario all'iniziativa e ha proposto un abbandono graduale del nucleare.

Vale a dire che, una volta spente (ma senza una scadenza prefissata) le centrali esistenti non potranno essere sostituite da nuove. La motivazione principale dell'esecutivo è che un abbandono precipitoso del nucleare non consente di garantire un sufficiente approvviggionamento di elettricità da fonti rinnovabili. E quindi la Svizzera dovrebbe importarne in quantità elevata nei prossimi anni. Un argomento delicato nel momento in cui la vicina Francia ha fermato diverse centrali nucleari perché poco sicure. Il governo ha paventato anche il rischio di black out in caso di un abbandono 'accelerato' del nucleare. "A nostra avviso sarebbe un'uscita disordinata", ha dichiarato a ottobre il ministro dell'Energia Doris Leuthard, "tutto d'un tratto, ci ritroveremmo con le forniture di 1,6 milioni di nuclei familiari a rischio". L'operatore di rete svizzero Swissgrid, ha aggiunto che la richiesta di far scattare le chiusure di centrali già l'anno prossimo porrebbe seri problemi. La parola domani passa ai cittadini. I sondaggi, che fino a poche settimane registravano un netto vantaggio del Sì all'iniziativa, stanno rilevando nell'ultimo periodo una netta rimonta del no: l'ultima indagine dell'Istituto SRG Trend ha registrato un 48% di Sì davanti a un 46% di No. Sembra profilarsi dunque un testa a testa.  

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]