Martedì, 31 Gennaio 2017 10:34

Armi a Iran e Libia: contatti tra mala del Brenta e Casalesi

Scritto da

NAPOLI - Oltre ai quattro provvedimenti di fermo - tre dei quali eseguiti nei confronti di cittadini italiani mentre un cittadino libico risulta irreperibile - sono state eseguite 10 perquisizioni nei confronti di altrettante persone per ipotesi di reato riconducibili al traffico internazionale di Armi e di materiale 'dual use', di produzione straniera.

La prima fase dell'odierna operazione ha avuto avvio nel giugno 2011, su input del Servizio Centrale Investigazione Criminalita' Organizzata, in relazione ad un precedente procedimento penale instaurato presso la Procura della Repubblica di Napoli dalla quale e' emerso che una persona organica ad un clan camorristico dell'area casalese era stato contattato da un appartenente alla cosiddetta "mala del Brenta" con precedenti specifici per traffico di Armi. Quest'ultimo ricercava, infatti, persone esperte di Armi ed armamenti da inviare alle Seychelles per l'addestramento di un battaglione di somali, che avrebbero dovuto svolgere attivita' espressamente qualificate come "mercenariato". Le attivita' di indagine al tempo svolte, sfociate in diversi procedimenti penali, consentirono di evidenziare come la richiesta di addestramento fosse stata originata da una persona di nazionalita' somala, con cittadinanza italiana, parente del deposto dittatore del Puntland (Somalia).(

Gli approfondimenti investigativi svolti hanno consentito di risalire a italiani, oltre ad un cittadino di nazionalita' libica, dediti al commercio internazionale di armamenti di produzione estera. Tutti i coinvolti svolgono, formalmente, secondo l'ipotesi formulata, attivita' connesse con il commercio internazionale, avvalendosi anche di societa' con sede in Paesi esteri, principalmente in Ucraina ed in Tunisia, nonche' mantenendo consolidati rapporti con personalita' del mondo politico, militare e religioso in Stati dell'area asiatica e mediorientale quali Iran e Libia. Tra le aziende implicate nei citati traffici illeciti spicca una societa' con sede in Roma, operante nel commercio di elicotteri che, sulla base dei riscontri effettuati, avrebbe, almeno in un caso, ceduto, attraverso triangolazioni che hanno consentito alle merci di non entrare nel territorio nazionale, materiali di armamento di produzione estera verso l'Iran. In un altro caso, con le stesse modalita', una societa' basata in Ucraina, facente capo a soggetti italiani, avrebbe ceduto armamenti a gruppi militari libici. L'esame della documentazione cartacea e telematica sequestrata a seguito di perquisizioni delegate, eseguite nel novembre del 2015, congiuntamente con le risultanze delle indagini tecniche e delle dichiarazioni rese da persone informate sui fatti, ha permesso di ricostruire l'entita' dei traffici illeciti di cui si parla aventi ad oggetto, tra l'altro, anche vari tentativi, idonei e diretti in modo non equivoco, di vendere elicotteri militari, fucili d'assalto, munizionamento da guerra, missili anti-carro e terra-aria, sempre nei due Paesi sottoposti ad embargo internazionale Durante le attivita' d'indagine, la Procura di Napoli ha, inoltre, trasmesso rogatorie internazionali verso diversi Paesi ed acquisito, ai sensi dell'art. 256-bis del Codice di procedura penale, documentazione contenente rilevanti elementi informativi presso le Agenzie di Informazione e Sicurezza. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]