Lunedì, 06 Febbraio 2017 17:38

Trump: guerra all'euro, yuan e yen

Scritto da

WASHINGTON  - La secca risposta dell'Eurotower, per bocca del presidente della Bce Mario Draghi, circa la presunta manipolazione dell'euro, costituisce una replica attesa alle accuse mosse dalla nuova amministrazione americana nei giorni scorsi.

Una polemica alimentata dalle dichiarazioni di Peter Navarro, a capo del Consiglio nazionale del commercio, il quale ha lamentato in un'intervista al Financial Times la "grossolana sottovalutazione" della moneta unica. L'euro - secondo Navarro - fungerebbe da "marco occulto", offrendo alla Germania un incongruo vantaggio sui suoi partner commerciali, a cominciare dagli Stati membri dell'Eurozona.

Si tratta di un'accusa pesante soprattutto perche' giunge dall'uomo incaricato delle sorti del Ttip, la Transatlantic Trade and Investment Partnership, che risulta definitivamente tramontata a favore di accordi bilaterali che saranno via via sanciti dagli Usa. L'attacco dell'amministrazione americana ha suscitato gia' la reazione della Germania, che ovviamente smentisce un ruolo di manipolazione valutaria: "Abbiamo sempre incoraggiato la Bce a svolgere una politica indipendente", e' stata la risposta a caldo del cancelliere Angela Merkel, la quale ha ricordato di avere rispettato l'autonomia della banca centrale anche prima dell'avvento dell'euro, nei giorni della Bundesbank e del marco. Dopo la sua elezione, Trump e' intervenuto direttamente o attraverso i membri dell'amministrazione su tutte le principali valute mondiali, manifestando la volonta' di rivedere il risiko monetario. A fine gennaio, l'accusa di svalutazione controllata con intenti commerciali fu rivolta al governo nipponico per il corso dello yen, cui segui' la smentita di Tokyo. Naturalmente analoga accusa ha riguardato lo yuan cinese, di cui Trump ha stigmatizzato la sottostima rispetto al dollaro: "Le nostre societa' - dichiaro' al Wall Street Jopurnal - non possono competere con loro perche' la nostra moneta e' troppo forte. Ci sta uccidendo". Il monito del presidente e' apparso temperato dalle prime dichiarazioni dell'ambasciatore Usa in pectore a Pechino: Terry Branstad ha promesso un "ruolo costruttivo" e la volonta' di incrementare le relazioni commerciali fra i due Paesi.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]