Domenica, 02 Aprile 2017 11:04

Ecuador al ballottaggio decide se svoltare a destra

Scritto da

QUITO  - Si vota in Ecuador oggi per il ballottaggio delle presidenziali, uno scrutinio che potrebbe segnare la svolta dopo un decennio di leadership socialista, con l'economista Rafael Correa al comando; e che potrebbe fra l'altro decidere del destino del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, rifugiato dal 2012 nell'ambasciata ecuadoriana a Londra.

Il ballottaggio sarà tra l'erede designato di Correa, il socialista Lenin Moreno, e l'ex banchiere Guillermo Lasso, arrivato in seconda posizione al primo turno del mese scorso, con il 28%, contro il 39% di Moreno. Ma i sondaggi gli attribuiscono per il ballottaggio un leggero vantaggio. La corsa delle presidenziali ecuadoriane rappresenta anche un barometro del clima politico del Sudamerica, dove molti dei governi socialisti in carica nell'ultimo decennio sono in declino o hanno ceduto il passo. Argentina, Brasile e Perù sono passati nelle mani della destra negli ultimi mesi, tutti in sofferenza per la recessione economica e con i leader della sinistra travolti da scandali di corruzione. In Venezuela il presidente socialista Nicolas Maduro proprio in questi giorni ha stretto al sua presa sul potere. La Corte costituzionale ha nel fatti sciolto il parlamento dominato dall'opposizione.  

L'Ecuador ha registrato una crescita media del 4,4% l'anno durante i primi otto anni di presidenza Correa, poi il crollo del prezzo del petrolio ha fatto sprofondare nella crisi il Paese. Correa si è conquistato il favore dei ceti sociali più poveri con generose sovvenzioni sociali che hanno ridotto il tasso di povertà dal 36,7% al 23,3% della popolazione di questo paese di 16 milioni di abitanti. Lasso, 61 anni, ha raccolto consensi unendo le opposizioni della destra dietro la sua promessa di mettere fine allo sperpero pubblico e di creare un milione di posti di lavoro. Con una campagna improntata lala promessa di cambiamento, l'ex banchiere ha promesso di ribaltare le politiche di Correa, minacciando di revocare l'asilo concesso la suo ospite più noto. Dall'estate 2012 Julian Assange è rifugiato all'interno dell'ambasciata dell'Ecuador a Londra e beneficia dello status di rifugiato politico concesso dal governo di Rafael Correa, acerrimo nemico degli Stati Unti.  

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]