Martedì, 09 Maggio 2017 12:51

Siria, registrate 12 violazioni della tregua in 24 ore

Scritto da

MOSCA - I rappresentanti russi della commissione russo-turca sulla tregua in Siria hanno registrato un totale di 12 violazioni del regime di cessate il fuoco in Siria nelle ultime 24 ore.

Due violazioni sono state registrate dalla parte turca. Lo annuncia il centro per la riconciliazione siriana del ministero della Difesa russo in una nota diffusa oggi, nella quale si precisa che la situazione nelle zone di de-escalation e' nel complesso stabile. Le violazioni della tregua - si legge nella nota - sono state registrate dalla parte russa nelle province di Damasco (tre violazioni), Latakia (quattro), Daraa (due), Hama (tre). La Turchia ha invece registrato una violazione della tregua nella provincia di Damasco e una nella provincia di Hama. La Russia e la Turchia sono le nazioni garanti della tregua entrata in vigore in Siria il 30 dicembre 2016 e che, nonostante le numerose violazioni, mantiene una generale tenuta. Sempre a dicembre 2016, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione a sostegno di questi sforzi. La scorsa settimana, la Turchia e l'Iran hanno siglato un memorandum per l'istituzione di quattro "safe zones" nel Paese nell'ambito dei colloqui di Astana sulla risoluzione della crisi in Siria. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077