Lunedì, 15 Maggio 2017 09:53

Il monito di Pyongyang: il nuovo missile puo' portare testata nucleare

Scritto da

PECHINO - La Corea del Nord rivendica come un successo l'ultimo test missilistico e mette in guardia gli Usa.

E per gli esperti, in effetti, il test e' un significativo passo in avanti verso lo sviluppo di un missile balistico intercontinentale. Per far fronte ai nuovi sviluppi,domani martedi' e' convocato il Consiglio di Sicurezza dell'Onu, su richiesta di Usa e degli alleati di Corea del Sud e Giappone. Il lancio, secondo l'agenzia di stampa nordcoreana Kcna, ha testato con successo un nuovo missile balistico "di medio raggio", battezzato Hwasong 12, e che e' capace di portare una testata nucleare "di grande dimensioni". "Se gli Usa tenteranno maldestramente di provocare la Repubblica Democratica Popolare di Corea, non sfuggiranno al piu' grande disastro della storia", e' la minaccia. Pyongyang ha anche accusato gli Usa di "tiranneggiare" i Paesi che non hanno un arsenale nucleare e ha avvertito Washington di non mentire sostenendo che la sua terraferma non e' alla portata del missili nordcoreani. Al lancio era presente il giovane leader del regime, Kim Jong-un, il quale ha spronato scienziati e tecnici a "non sedersi sugli allori" e lavorare a ulteriori "armi nucleari e metodi di lancio" fino a che gli Usa "non facciano la scelta giusta". Secondo l'agenzia nordcoreana, il missile ha raggiunto una quota di oltre 2mila chilometri (2.111,5 per la precisione) ed ha viaggiato per 787 chilometri prima di terminare la traiettoria nel Mare del Giappone. Secondo gli esperti, e' un nuovo traguardo nel programma di sviluppo missilistico di Pyongyang. La distanza tra la zona di lancio di Kusong in Corea del Nord, a Busan, e la punta estrema meridionale della Corea del Sud, e' di poco piu' di 610 chilometri. Ma non solo. Il missile e' stato lanciato alla sua angolatura maggiore (e in tal modo non ha costituito una minaccia per i Paesi vicini); ma se avesse viaggiato lungo una traiettoria standard sarebbe stato in grado di colpire un bersaglio a 4500 chilometri di distanza, quindi anche la base americana di Guam, nell'Oceano Pacifico, e l'Alaska. Il nuovo missile sarebbe un Irbm (missile balistico a raggio intermedio) e sarebbe il secondo importante avanzamento nella tecnologia missilistica nord-coreana di quest'anno, dopo il lancio, a febbraio scorso, dei missili a medio raggio Pukguksong-2. Secondo gli analisti specializzati del sito web 38 North, il test missilistico rappresenta un livello di performance mai visto prima da un missile nord-coreano", proprio perche' in grado di raggiungere la base statunitense di Guam, l'Andersen Air Force base, dove sono posizionati i caccia bombardieri pesanti Usa B-1s, B-2s e B-52s. Non e' affatto chiaro invece se effettivamente la Corea del Nord abbia raggiunto una capacita' tecnologica tale da essere in grado di miniaturizzare una testatanucleare e poi montarla su un missile. 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

La triste Europa che non apprezza gli statisti

Potremmo star qui a commentare la crisi storica, e diremmo quasi epocale, della sinistra europea; potremmo stigmatizzare l'assurda scelta dell'SPD di trasformarsi in una sorta di corrente progressista, e neanche...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208