Domenica, 18 Giugno 2017 16:10

Il Portogallo va a fuoco: 62 morti

Scritto da

LISBONA -  Devastante incendio boschivo scoppiato nell’area di Pedrogao Grande, nel Portogallo centrale, ha provocato la morte di almeno 62 persone e il ferimento di almeno altre 54.

La prima vittima di cui è stato possibile accertare l’identità è un bambino di 4 anni, Rodrigo. Il Governo ha decreetato Tre giorni di lutto nazionale. Molti dei cadaveri, almeno 30, sono stati ritrovati a bordo delle loro auto, carbonizzati. «Non abbiamo memoria di una tragedia umana di questa portata», ha detto del tragico incendio di Pedrogao il primo ministro portoghese, Antonio Costa. Le immagini del violento incendio corrono sui social. Al momento le squadre dei vigili del fuoco sono riuscite a mettere sotto controllo le fiamme in due delle quattro aree della zona di Pedrogao. Intanto il governo del Portogallo ha decretato, a partire da oggi, tre giorni di lutto nazionale per le vittime dell'incendio.  Lo riferisce il Consiglio dei ministri in un comunicato. Sei dei feriti sono in condizioni gravi. Due dei quattro fronti dell'incendio restano attivi e, secondo il governo, dovrebbero essere controllati "entro poco tempo". Secondo quanto ha riferito a Efe la polizia, sarebbe stato l'impatto di un fulmine su un albero secco a causare l'incendio, che è stato definito dal premier portoghese "la più grande tragedia in termini di vittime umane" degli ultimi tempi.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077