Domenica, 18 Giugno 2017 16:10

Il Portogallo va a fuoco: 62 morti

Scritto da

LISBONA -  Devastante incendio boschivo scoppiato nell’area di Pedrogao Grande, nel Portogallo centrale, ha provocato la morte di almeno 62 persone e il ferimento di almeno altre 54.

La prima vittima di cui è stato possibile accertare l’identità è un bambino di 4 anni, Rodrigo. Il Governo ha decreetato Tre giorni di lutto nazionale. Molti dei cadaveri, almeno 30, sono stati ritrovati a bordo delle loro auto, carbonizzati. «Non abbiamo memoria di una tragedia umana di questa portata», ha detto del tragico incendio di Pedrogao il primo ministro portoghese, Antonio Costa. Le immagini del violento incendio corrono sui social. Al momento le squadre dei vigili del fuoco sono riuscite a mettere sotto controllo le fiamme in due delle quattro aree della zona di Pedrogao. Intanto il governo del Portogallo ha decretato, a partire da oggi, tre giorni di lutto nazionale per le vittime dell'incendio.  Lo riferisce il Consiglio dei ministri in un comunicato. Sei dei feriti sono in condizioni gravi. Due dei quattro fronti dell'incendio restano attivi e, secondo il governo, dovrebbero essere controllati "entro poco tempo". Secondo quanto ha riferito a Efe la polizia, sarebbe stato l'impatto di un fulmine su un albero secco a causare l'incendio, che è stato definito dal premier portoghese "la più grande tragedia in termini di vittime umane" degli ultimi tempi.

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Garrincha e Audrey Hepburn: il giorno in cui morì la bellezza

Per una di quelle strane coincidenze della vita, a dieci anni l'uno dall'altra, ci hanno detto addio Garrincha, funambolo brasiliano così chiamato in quanto i suoi passi in campo somigliavano...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077