Venerdì, 30 Giugno 2017 12:04

Libano, 5 kamikaze contro soldati in campi profughi: uccisa bimba

Scritto da

BEIRUT - Una bambina è morta e sette soldati libanesi sono rimasti feriti oggi quando cinque miliziani si sono fatti saltare in aria e un sesto ha lanciato una granata contro i militari libanesi entrati in azione in due campi profughi nei pressi del confine con la Siria.

Lo ha reso noto l'esercito. In una nota è stato precisato che quattro kamikaze sono entrati in azione nel campo al-Nur, nei pressi della città di confine Arsal, causando la morte di una bambina, figlia di profughi, e il ferimento di tre soldati. Un medico ha precisato che la bambina aveva due anni e mezzo. Nello stesso campo i militari hanno ritrovato quattro ordigni esplosivi. 

Nel raid messo a segno nel campo al-Qariya, sempre vicino ad Arsal, un miliziano si è fatto saltare e un altro ha lanciato una granata contro i soldati, ferendone quattro. L'esercito ha precisato che le operazioni sono state lanciate con l'obiettivo di "arrestare terroristi e sequestrare armi". Una fonte militare ha precisato alla France presse che sono stati eseguiti diversi arresti: "L'obiettivo dell'operazione era arrestare un ricercato e lui è stato il primo a farsi saltare in aria". Sono oltre 1,1 milione i siriani ospitati in Libano dall'inizio della guerra, nel 2011. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077