Sabato, 26 Agosto 2017 08:56

Belgio: aggressore ucciso a Bruxelles, per polizia era terrorismo

Scritto da

L’uomo ha gridato due volte 'Allah Akbar' prima di essere ucciso 

BRUXELLES - Un attacco terroristico contro l'esercito. Così le autorità del Belgio considerano quanto avvenuto ieri sera a Bruxelles, dove in pieno centro un uomo ha aggredito dei soldati con un coltello al grido di "Allah Akbar", prima di essere "abbattuto". Un'aggressione che arriva sullo sfondo di numerosi attentati in tutta Europa. "Pensiamo che si tratti di un attacco terroristico", ha dichiarato una portavoce della procura federale belga. L'aggressore, contro il quale i soldati hanno utilizzato le armi, "è morto", ha aggiunto. Aveva gridato "due volte Allah Akbar" (Dio è il più grande in arabo) attaccando due militari, uno dei quali è rimasto "leggermente ferito", secondo la stessa fonte. Organi di infornmazione del Belgio hanno affermato che l'autore dell'attacco era un trentenne di origini somale. Nella stessa serata, la polizia britannica ha annunciato che un uomo aveva attaccato e ferito dei poliziotti di fronte a Buckingham Palace a Londra. In Finlandia, un attacco con un coltello - anche questo considerato di matrice terroristica - aveva causato due morti e otto feriti il 18 agosto, all'indomani degli attentati di Barcellona e Cambrils in Spagna, che avevano provocato quindici morti e oltre 120 feriti. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077