Mercoledì, 03 Gennaio 2018 11:20

Pechino è il primo mercato al mondo per consumo di tabacco. Boom di decessi

Scritto da

La Cina e' il mercato in piu' rapida crescita nel consumo di tabacco nonostante il governo abbia, nei mesi passati, adottato misure per contrastare il tabagismo nella popolazione tra cui l'aumento delle tasse sul tabacco.

Tasse che rappresentano il 59 per cento del prezzo di vendita, di molto inferiore, pero', al 75 per cento della media globale. Nonostante il prezzo alto delle sigarette la capacita' di pagamento dei fumatori cinesi e' cresciuta dell'85 per cento dal 2001 al 2016. L'incidenza del fumo nei cittadini a basso reddito e' piu' alta di quella nei cittadini ad alto reddito, cosi' che i residenti rurali superano di gran lunga i residenti urbani in numero di sigarette fumate. Secondo alcuni esperti la maggiore incidenza del fumo nelle aree piu' povere ha causato un aumento della stessa poverta' dovuto al trattamento delle malattie legate proprio al fumo. Attualmente la Cina puo' contare 316 milioni di fumatori e nel 2015 sono stati 6,4 milioni i decessi legati al fumo. Il trattamento di tali malattie nel 2015 ha causato perdite dirette per 53 miliardi di yuan (6,7 miliardi di euro) e perdite indirette per 297 miliardi di yuan (38 miliardi di euro), rappresentando entrambe il 10,59 per cento delle spese sanitarie nazionali. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077