Lunedì, 01 Agosto 2011 18:57

Scontri ad Hama: oltre 100 morti. La Gb minaccia l’intervento militare. Ma la Nato frena. VIDEO

Scritto da

DAMASCO - È il secondo giorno di continui bombardamenti nella città di Hama, in Siria. E dopo la diffusione di alcuni video su youtube e le notizie trapelate da abitanti in fuga si teme il peggio. Il timore di uccisioni di massa è più che mai confermato da continue testimonianze di profughi e rifugiati. La pagina facebook Syrian Uprising 2011 Information Centre dirama notizie raccapriccianti. In ognuna si parla di continui scontri con la polizia e di rappresaglie contro i manifestanti. Secondo una prima stima sarebbero 84 le vittime civili nel quartiere di Hamidiyah e più di un centinaio quelle globali, negli ultimi due giorni.

L’Unione Europea ha annunciato nuove misure repressive contro il Governo di Assad. Mentre la Gran Bretagna non esclude un intervento militare come quello in Libia. In una dichiarazione rilasciata all’emittente Radio 4, il ministro degli Esteri Wiliam Hague non ha scartato questa possibilità. Ma la Nato sulla questione frena. Il segretario generale dell'Alleanza atlantica, Anders Foghb Rasmussen, al quotidiano francese Midi Libre, ha dichiarato che in Siria non ci sono le condizioni: “In Libia conduciamo un'operazione basata su un mandato chiaro dell'Onu. Abbiamo il sostegno dei paesi della regione. Queste due condizioni non sono presenti per la Siria”.     


Le persecuzioni di Assad nei confronti dei manifestanti nelle città Hama, Dayr az Zawr, Al Bukamal and Moadamiyah, hanno portato alla morte di circa 134 persone e al ferimento di diverse decine. Gli ospedali sono al collasso, serve sangue e attrezzature mediche.  La violenza con cui Assad cerca di domare l’ondata di protesta soprattutto ad Hama può essere vista anche come una continuazione di quella stessa repressione fatta dal padre di Assad nel 1982. A dichiararlo è Massimo Campanini, docente di Storia contemporanea dei Paesi arabi presso l’Università L’Orientale di Napoli. In un’intervista di Ernesto Manfrè (Audio Radio Capital) ha detto: “La repressione nei confronti di Hama può essere anche una repressione rivolta contro gli islamici, perché Hama era stata teatro nel 1982 di una terribile repressione che Hafiz al-Asad, il padre di Bashar, aveva scatenato contro i Fratelli musulmani facendo tra le diecimila e le ventimila vittime. (..) Quindi sarebbe interessante per esempio verificare se esistono delle forze di tipo islamico che stanno guidando la rivolta ad Hama e che quindi la soppressione della rivolta ad Hama può essere ancora inquadrata nello stesso orizzonte”.
Ad Hama, riferisce all’Ansa un testimone, la situazione è tesa. “Questa sera, dopo le otto, dopo la preghiera, ci potrebbero essere manifestazioni” ha dichiarato. Poi riferendosi ai morti dei giorni scorsi “erano talmente tanti che sono stati seppelliti nei giardini pubblici”.

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]