Mercoledì, 07 Settembre 2011 19:18

Gheddafi, figlio e nuora torturavano i domestici

Scritto da

TRIPOLI - Il figlio del rais, Muammar Gheddafi Hannibal, e sua moglie, Aline, avevano l'abitudine di punire i loro domestici ferendoli con coltelli o ustionandolli con acqua bollente in testa.

 

Una tata etiope di 30 anni, che badava ai due figli della coppia, è stata ustionata in viso da Aline perchè si era rifiutata di picchiare la bambina.

A rivelare questi maltrattamenti è stato un ex dipendente di Hannibal, Adnan Tam, un cuoco turco. Al sito d'informazione Anadolu, Tam ha raccontato che lui stesso era una vittima: "Mi odiavano, mi umiliavano chiamandomi il traditore turco. Non passava un giorno senza torture, umiliazioni e insulti. Venivo picchiato da Hannibal e dai suoi uomini. Sua moglie Aline era nevrotica". Motivo delle torture verso di lui era il cambio di posizione della Turchia nei confronti del regime di Tripoli, non più favorevole al rais. A confermare le sue parole, il sito turco pubblica alcune foto della spalla e del braccio di Tam, dove sono evidenti le cicatrici delle coltellate.

Tam ha spiegato che quasi tutti i componenti della servitù erano vittime di questi maltrattamenti, ma era impossibile scappare dalla villa di Hannibal, a causa della sorveglianza molto stretta.

 

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]