Domenica, 08 Gennaio 2012 11:35

Operation Pesetas, per uscire dalla crisi si accetta di nuovo la moneta spagnola

Scritto da

MADRID - Fino al lancio dell’Operazione Peseta (27 dicembre utlimo scorso) gli affari andavano molto male, per evitare il tracollo 50 commercianti di Salvaterra di Mino, in Galizia – Spagna del Nord Est  - hanno deciso di accettare nuovamente la moneta spagnola allo stesso cambio applicato nel 2002 al momento del passaggio all’Euro.

Il risultato è stato un vero e proprio esodo di persone attratte a spendere nel Villaggio Galiziano.  
Per i pagamenti si accettano banconote e monete dal conio del 1940 in poi, sembra che gli spagnoli ne abbiano conservate molte in casa e nelle casseforti, ma la pesante crisi economica non permette di essere nostalgici o collezionisti. Così l’iniziativa dei negozianti di Salvaterra, che è stata ben accolta da Unes Association (Camera di Commercio locale), è arrivata alla seconda iniziativa del genere e intendono ripetersi di nuovo per fine gennaio.
La brillante idea è venuta alla Signora Rivas, ottico, che si ricordava di come la Banca Centrale di Spagna avesse calcolato che 1.7 miliardi di Euro in pesata erano rimasti in circolazione. Così, dal momento che in Spagna, non è stato imposto un limite di tempo per cambiare il vecchio conio con la nuova moneta europea, gli intraprendenti esercenti del villaggio spagnolo hanno deciso di sfruttare l’opportunità e lanciarsi in questa rinnovata opportunità di incrementare gli incassi.


In Spagna, come in Italia, il 70% delle persone sono convinte che l’Euro non abbia portato nessun miglioramento nelle proprie vite, anche perché, com’è noto, i prezzi per gli acquisti sono a dir poco raddoppiati mentre i salari no. Purtroppo, presto o tardi, le Pesetas in circolazione finiranno e di conseguenza anche l’iniezione di “fiducia” per i cittadini e i gestori dei negozi di Salvaterra. Chi aiuterà La Signora Perez, proprietaria della profumeria, il cui compagno è disoccupato da un anno? Chi, la Signora Rodriguez, del negozio di casalinghi? Il parrucchiere Signor Ledo?
Le attività commerciali cittadine concorrono in maniera significativa all’economia delle città, di qualsiasi nazionalità esse siano,  ora che si trovano in evidente difficoltà (per la crisi economica che ha colpito l’intero sistema occidentale cui si aggiungono criticità prettamente locali), occorre mettere in atto tutte le iniziative possibili per sostenerle e rilanciarle, in teoria dovrebbero essere le istituzioni ad intervenire, ma in questo come in molti altri campi di applicazione i cittadini chiamano e nessuno risponde.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]