Lunedì, 06 Febbraio 2012 19:06

Risoluzione Onu bloccata: niente intervento. In Siria si continua a morire

Scritto da

DAMASCO - Mancano fonti indipendenti, ma, per quello che viene riportato,  a Homs, durante un bombardamento dell'esercito siriano, alle prime luci dell’alba, sarebbero morte 51 persone. 

E per la seconda volta in pochi mesi, Russia e Cina hanno posto il veto a una risoluzione delle Nazioni Unite, in cui si condanna la sanguinosa repressione in Siria, dopo il primo veto di ottobre.  La volontà è bloccare la risoluzione ONU contro il regime di Bashar al Assad. La scelta ha provocato durissime reazioni di tutte le nazioni occidentali e ha suscitato il rammarico del Segretario generale Onu Ban Ki-moon, per un voto che "indebolisce il ruolo dell'Onu e della comunità internazionale". Susan Rice, ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, ha detto di essere "disgustata" dalle decisioni di Pechino e Mosca e aggiunge che "ogni altro bagno di sangue macchierà le loro mani". Ma l’interesse USA  non coinciderebbe  con l’autodeterminazione del popolo palestinese che, nei movimenti di sinistra, sarebbe timoroso che un eventuale cambio di regime a Damasco possa rafforzare ulteriormente l’alleanza tra Stati Uniti e Israele e indebolire i movimenti di resistenza,  quali l’Hizbollah libanese e Hamas, che  hanno potuto contare sinora sull’aiuto logistico e finanziario siro-iraniano. 

 

Ma le cose cambierebbero se con la caduta di Assad verrà appuntato il Consiglio Nazionale Siriano (CNS), opposizione siriana riconosciuta e appoggiata dall’asse USA-UE-Golfo.  Niente appoggio al movimento islamico,  ma rapporto preferenziale con l’Autorità Nazionale Palestinese – dominata da Fatah – che è in disaccordo con il regime siriano sin dalla firma degli accordi di Oslo del 1994, contrastati da Damasco. 
Intanto,il quotidiano ufficiale People's Daily,  la "voce della Cina" - evidenzia la sfiducia dei cinesi verso l'Occidente. L'articolista denuncia che "la situazione in Siria continua a peggiorare e il numero dei feriti civili continua a salire". Egli precisa che "il veto non significa" sostenere lo status quo e il perdurare delle violenze. Tuttavia, aggiunge, è la Cina, e non i suoi critici in Occidente, a comportarsi in modo "responsabile" per il bene del popolo siriano.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]