Martedì, 13 Ottobre 2015 10:44

Siria. I jihadisti dichiarano guerra a Mosca

Scritto da

Colpi di mortaio contro l'ambasciata russa

DAMASCO - Due colpi di mortaio sono stati lanciati questa mattina contro l'ambasciata russa a Damasco. Proprio per oggi, davanti all''ambasciata di Mosca nel quartiere di Mazraa a Damasco, era in programma una manifestazione per ringraziare la Russia per essere intervenuta militarmente a sostegno del regime di Bashar al-Assad. Al momento dell'attacco un centinaio di persone si erano riunite per manifestare. E' dal 30 settembre che la Russia sta conducendo raid aerei contro i jihadisti dello Stato Islamico (Is) e i miliziani del Fronte al-Nusra legato ad al-Qaeda in Siria, su richiesta del presidente Assad. L''opposizione denuncia però che i raid russi prendano di mira anche i ribelli moderati, oltre che i civili.

Nel frattempo Abu Mohamad al-Joulani, leader dei jihadisti del Fronte al-Nusra, ha diffuso un audiomessaggio in cui chiede agli estremisti del Caucaso di attaccare civili e militari russi, in risposta ai raid di Mosca in Siria. "Se l'esercito russo uccide la gente in Siria - ha affermato il leader del gruppo affiliato ad al-Qaeda - allora uccidente la loro gente. E se uccide i nostri soldati, allora uccidete i loro. Occhio per occhio". Secondo Joulani, i raid aerei russi non stanno colpendo i rivali del sedicente Stato islamico (Is), come sostiene Mosca, ma altri gruppi ribelli. I russi "sanno chiaramente che l'Is non minaccia il regime - ha affermato - visto che le aree che controlla non confinano con quelle del regime. Non è quindi una sorpresa che abbia cominciato a bombardare le brigate che si confrontano direttamente con le forze del regime". "Il governo russo - si è chiesto al-Joulani - crede veramente che l''esercito del regime di Bashar al-Assad possa essere salvato con un po'' di aerei e artiglieria in più? Finora i raid russi non hanno aggiunto niente a quelli del regime, nel loro colpire gli obiettivi in modo indiscriminato. (La Russia e il regime, ndr) saranno sconfitti alle porte di Damasco".

 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077