Martedì, 14 Febbraio 2017 10:47

Usa: si dimette il consigliere per la sicurezza nazionale Flynn

Scritto da

WASHINGTON - Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Michael Flynn, ha rassegnato spontaneamente le proprie dimissioni nel corso della notte.

Nelle ultime ore era proseguito senza sosta il flusso di indiscrezioni provenienti dalla comunita' d'intelligence e dal dipartimento di Giustizia Usa ai danni del consigliere, che violando una norma statunitense avrebbe discusso delle sanzioni alla Russa con l'ambasciatore di quel paese negli Usa, Sergei I. Kisljak, prima dell'insediamento dell'amministrazione Trump. Stando alle ultime indiscrezioni, l'ex procuratore generale Usa facente funzioni, Sally Q. Yates - destituita dal presidente in carica per la sua opposizione alle politiche presidenziali in materia di immigrazione - avrebbe avvertito la Casa Bianca il mese scorso che Flynn aveva mentito in merito ai contenuti delle sue conversazioni con l'ambasciatore russo, e che dunque era potenzialmente "vulnerabile a ricatti" da parte del governo di Mosca. Flynn, ricorda la stampa Usa, aveva assicurato al vicepresidente Mike Pence di non aver discusso delle sanzioni con l'ambasciatore russo, un'affermazione che sulla base delle indiscrezioni diffuse negli ultimi giorni appare ormai quasi certamente falsa.

L'avvertimento di Yates - scrive il quotidiano "Washington Post" - giungeva in realta' dagli ex direttori di Cia e intelligence nazionale, rispettivamente John Brennan e James R. Clapper, anch'essi protagonisti nei mesi scorsi di un'ostilita' aperta con il presidente Usa in carica; secondo i due funzionari, Flynn "si era messo in una posizione compromettente" a causa delle sue conversazioni con l'ambasciatore russo; a loro parere, Pence aveva il diritto di sapere che Flynn gli aveva mentito. Inoltre, prosegue il quotidiano, l'Fbi starebbe indagando se Flynn abbia ricevuto denaro dal governo russo durante un viaggio a Mosca nel 2015: se cosi' fosse, il generale in congedo avrebbe violato una disposizione della Costituzione Usa che proibisce agli ex militare di ricevere denaro da governi stranieri senza l'espressa autorizzazione del Congresso. Il flusso di indiscrezioni anonime che dalle agenzie e dai ministeri del governo federale piovono sull'amministrazione presidenziale e' incessante e senza precedenti, sottolinea il periodico "Time". 

L'amministrazione Trump e' comprensibilmente in difficolta', tanto che nelle ultime ore ha inviato messaggi contraddittori in merito al futuro del consigliere alla sicurezza nazionale. Il vicepresidente Pence si dice ormai convinto che Flynn gli abbia mentito. E il presidente Usa, Donald Trump, e' impegnato a "valutare" il destino del generale, come annunciato ieri dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer: una formula che suonava gia' una come una mezza sfiducia, e che evidentemente ha spinto Flynn a fare per primo un passo indietro. Il presidente Trump, riferisce sempre "Washington Post", ha gia' accettato le dimissioni di Flynn, ed ha provvisoriamente nominato al suo posto un altro ufficiale pluridecorato in congedo, il tenente generale dell'Esercito Keith Kellogg.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Scontro fra titani: Cicciolina contro Di Maio

Nella sua personale crociata contro i vitalizi dei parlamentari, Luigi di Maio ha avuto l’ardire di citare Ilona Staller, la popolare Cicciolina che nel 1987 fu eletta deputata ed entrò...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Demografia horror. Saremo 15 milioni in meno già negli anni ’30?

Incrociando un paio di dati dell’Istat emerge che la dinamica demografica del nostro Paese si avvierebbe ad un decremento della popolazione molto più rapido di quanto previsto.

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208