Menu
Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

BRUXELLES - Un anno dopo gli "spaventosi attacchi" del 22...

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

PARIGI - Si aggrava la posizione penale di Francois Fillon mentre si...

Prev Next

Usa: si dimette il consigliere per la sicurezza nazionale Flynn

Usa: si dimette il consigliere per la sicurezza nazionale Flynn

WASHINGTON - Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, Michael Flynn, ha rassegnato spontaneamente le proprie dimissioni nel corso della notte.

Nelle ultime ore era proseguito senza sosta il flusso di indiscrezioni provenienti dalla comunita' d'intelligence e dal dipartimento di Giustizia Usa ai danni del consigliere, che violando una norma statunitense avrebbe discusso delle sanzioni alla Russa con l'ambasciatore di quel paese negli Usa, Sergei I. Kisljak, prima dell'insediamento dell'amministrazione Trump. Stando alle ultime indiscrezioni, l'ex procuratore generale Usa facente funzioni, Sally Q. Yates - destituita dal presidente in carica per la sua opposizione alle politiche presidenziali in materia di immigrazione - avrebbe avvertito la Casa Bianca il mese scorso che Flynn aveva mentito in merito ai contenuti delle sue conversazioni con l'ambasciatore russo, e che dunque era potenzialmente "vulnerabile a ricatti" da parte del governo di Mosca. Flynn, ricorda la stampa Usa, aveva assicurato al vicepresidente Mike Pence di non aver discusso delle sanzioni con l'ambasciatore russo, un'affermazione che sulla base delle indiscrezioni diffuse negli ultimi giorni appare ormai quasi certamente falsa.

L'avvertimento di Yates - scrive il quotidiano "Washington Post" - giungeva in realta' dagli ex direttori di Cia e intelligence nazionale, rispettivamente John Brennan e James R. Clapper, anch'essi protagonisti nei mesi scorsi di un'ostilita' aperta con il presidente Usa in carica; secondo i due funzionari, Flynn "si era messo in una posizione compromettente" a causa delle sue conversazioni con l'ambasciatore russo; a loro parere, Pence aveva il diritto di sapere che Flynn gli aveva mentito. Inoltre, prosegue il quotidiano, l'Fbi starebbe indagando se Flynn abbia ricevuto denaro dal governo russo durante un viaggio a Mosca nel 2015: se cosi' fosse, il generale in congedo avrebbe violato una disposizione della Costituzione Usa che proibisce agli ex militare di ricevere denaro da governi stranieri senza l'espressa autorizzazione del Congresso. Il flusso di indiscrezioni anonime che dalle agenzie e dai ministeri del governo federale piovono sull'amministrazione presidenziale e' incessante e senza precedenti, sottolinea il periodico "Time". 

L'amministrazione Trump e' comprensibilmente in difficolta', tanto che nelle ultime ore ha inviato messaggi contraddittori in merito al futuro del consigliere alla sicurezza nazionale. Il vicepresidente Pence si dice ormai convinto che Flynn gli abbia mentito. E il presidente Usa, Donald Trump, e' impegnato a "valutare" il destino del generale, come annunciato ieri dal portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer: una formula che suonava gia' una come una mezza sfiducia, e che evidentemente ha spinto Flynn a fare per primo un passo indietro. Il presidente Trump, riferisce sempre "Washington Post", ha gia' accettato le dimissioni di Flynn, ed ha provvisoriamente nominato al suo posto un altro ufficiale pluridecorato in congedo, il tenente generale dell'Esercito Keith Kellogg.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208