Venerdì, 17 Febbraio 2017 11:39

Usa, Giorno senza immigrati: negozi chiusi, protesta contro Trump

Scritto da

MIAMI - Serrande chiuse per ristoranti, supermercati, negozi e imprese negli Stati Uniti per il 'Giorno senza immigrati', protesta nazionale contro le politiche migratorie dell'amministrazione Trump.

Nelle maggiori città del Paese molte aziende e piccoli esercizi commerciali ieri hanno partecipato al boicottaggio, organizzato sulle reti social su internet per protestare contro le misure promosse dal presidente Donald Trump. Primo obiettivo: dimostrare il "peso economico" degli immigrati negli Stati Uniti e le conseguenze negative che la loro assenza causerebbe.Gruppi di immigrati provenienti da varie nazioni hanno manifestato in diverse località contro gli ordini esecutivi firmati dal presidente Trump, destinati a mettere fine all'esistenza delle cosiddette 'città santuario', accelerare le espulsioni delle persone senza documenti e impedire l'ingresso di rifugiati e cittadini di sette Paesi a maggioranza musulmana. A Chicago, in Illinois, più di un migliaio di dimostranti ha preso parte alla marcia iniziata a Union Park e proseguita sino alla sede locale dell'Agenzia immigrazione e dogane. "Trump non ha idea di come gestire il Paese", ha detto Carmelo Pena, proprietario di un negozio nella città che ha aderito alla protesta assieme ad altri cento eserciti locali, in gran parte nel quartiere ispanico La Villita.Nelle città dell'Arizona molti piccoli negozi non hanno alzato le serrande, esponendo cartelli ad annunciare l'adesione alla manifestazione nazionale. Molte famiglie immigrate, intanto, hanno scelto di non mandare i propri figli a scuola. "Tutti i giorni contribuiamo con il nostro lavoro a questo Paese, paghiamo le tasse, creiamo impiego, credo che il presidente Trump non lo stia considerando", ha affermato Manuela Ramos, proprietaria di un ristorante a Tucson, rimasto chiuso a sostegno dei suoi dipendenti immigrati. Secondo i media locali di Charlotte, principale città della North Carolina, almeno 8mila persone hanno sfilato nelle strade della città contro le politiche del presidente repubblicano. Marce di protesta si sono svolte anche in altre città dello Stato, tra cui a Raleigh e Durham. A Charlotte, dove circa 250 negozi sono rimasti chiusi, i manifestanti si sono scagliati contro le retate fatte la settimana scorsa dall'Agenzia per le dogane e l'immigrazione (Ice), che hanno portato all'arresto di 84 persone senza documenti nello Stato. In California, le autorità del secondo distretto scolastico del Paese, il distretto unificato di Los Angeles, hanno chiesto alle famiglie che i figli non partecipino alle manifestazioni. Secondo le organizzazioni degli attivisti dell'area di Los Angeles, tra cui Vamos Unidos Usa, molti negozi non hanno aperto per protesta, con l'obiettivo di mostrare l'impatto economico dei migranti sul Paese. Come in molte altre città, i partecipanti alla giornata hanno boicottato gli acquisti e i trasporti pubblici, per mostrare che cosa la loro assenza voglia dire per l'economia del Paese.A New York gli organizzatori delle proteste hanno segnalato che almeno un centinaio di chiese della città è disposta ad accogliere le persone senza documenti che hanno bisogno di un rifugio perché rischiano di essere espulsi dal Paese.

Molti negozi della città hanno esposto cartelli all'ingresso, con messaggi come 'Solidarietà al giorno senza immigrati' o 'Amiamo l'America ma il governo non ama noi'. Tuttavia, non sono mancati gli immigrati senza documenti che hanno scelto di non mancare al lavoro.Nella capitale, circa 200 persone hanno manifestato di fronte alla Casa Bianca per difendere il lavoro degli immigrati come necessario "per la prosperità del Paese". Tra chi ha deciso di aderire alla protesta, la catena di ristoranti dello chef spagnolo José Andrés, rimasta in gran parte chiusa. In parallelo, proteste di diverso segno si sono svolte in tutto il Paese. Tra esse quella del Davis Museum del Wellesley College, in Massachusetts, che ha tolto dall'esposizione 120 opere della sua collazione permanente perché realizzate o donate da immigrati. L'obiettivo è mostrare che cosa sarebbe l'arte senza il contributo degli immigrati.

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Incendi: un male mondiale

Uno dei fenomeni che sta caratterizzando questa torrida estate è l’impressionante numero di incendi.

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Caso Regeni: per il governo sono più importanti i rapporti commerciali che la di…

Ritirato dall'Egitto come strumento di pressione affinché il governo di Al-Sisi collaborasse per ottenere la verità sui colpevoli del rapimento, delle torture e dell'uccisione di Giulio Regeni, l'Ambasciatore italiano tornerà...

Patrizio Gonnella - avatar Patrizio Gonnella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208