Menu
Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”,  il grande teatro che è vita

Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”, il grande teatro che è vita

ROMA - Verso la fine dell’Edipo re di Sofocle, Giocasta...

Non siamo un popolo di evasori

Non siamo un popolo di evasori

I dati presentati quest’oggi dal prof. Giovannini ci autorizzano a...

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Prev Next

Trump. Riforma sanitaria a rischio, americani senza cure

Trump. Riforma sanitaria a rischio, americani senza cure

WASHINGTON - Se l'amministrazione Trump decide di eliminare la riforma sanitaria voluta da Barack Obama ci saranno 14 milioni di persone senza assicurazione entro il 2018, che diventeranno 24 milioni entro il 2026.

I dati sono stati elaborati dal Congressional Budget Office, l'agenzia federale indipendente che si occupa di fornire informazioni economiche al Congresso. Un disastro che andrebbe inoltre a far crescere i premi pagati dai cittadini Usa alle assicurazioni tra il 14 e il 20%. Questo se sarà approvata la legge proposta da alcuni repubblicani al Congresso e sostenuta dalla Casa Bianca che prevede di sostituire Obamacare. Ma l'amministrazione Trump ha sostenuto che i dati diffusi non sono "credibili" e che anzi, come aveva già ripetuto in passato, la nuova legge aumenterà il numero di persone assicurate. "Siamo in totale disaccordo con il rapporto pubblicato", ha detto Tom Price, segretario alla salute degli Stati Uniti. Il Congressional Budget Office sostiene che non avendo avuto abbastanza tempo non ha potuto calcolare nel dettaglio quali saranno gli effetti sul lungo termine. Tuttavia ha fatto sapere che la nuova legge sanitaria potrebbe abbassare il deficit federale di 337 miliardi di dollari nel periodo compreso tra il 2017 e il 2026. Ma da dove arrivano questi numeri? I cittadini Usa decideranno di non rinnovare più la loro assicurazione per due motivi: da una parte Trump farà decadere l'obbligo di assicurazione previsto da Obamacare. In secondo luogo il nuovo provvedimento farà salire il costo delle assicurazioni, cosa che allontanerà diverse persone.

 I senatori democratici Chuck Schumer e Nancy Pelosi hanno tenuto una conferenza stampa ricordando che gli unici vincitori sono i vertici delle assicurazioni e gli americani ricchi. I due politici hanno invitato i repubblicani a ritirare la proposta di legge per eliminare Obamacare. Le stime fatte dal Congressional Budget Office fanno riferimento a un ipotetica entrata in vigore della nuova legge dal prossimo maggio. Come sappiamo l'iter della bozza sta avendo grandi rallentamenti in Congresso. Oltre all'opposizione dei democratici, ci sono anche diversi repubblicani che si sono schierati contro il documento in fase di studio. Infine dopo il 2026 i premi delle polizze dovrebbero cominciare a scendere del 10%. Questo però avverrà quando gli americani senza assicurazione saranno 52 milioni.  

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208