Giovedì, 16 Marzo 2017 11:13

In Olanda vince il liberale Rutte

Scritto da

AMSTERDAM - "Un voto per l'Europa, un voto contro gli estremisti".

Il primo a telefonare a Mark Rutte, premier olandese, e' stato Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Ue. Alla luce dei risultati elettorali nel Paesi Bassi, il capo dell'Esecutivo di Bruxelles ha voluto ringraziare Rutte per aver arginato il populismo xenofobo e antieuropeo del suo antagonista Geert Wilders. Dalle urne - ha votato ben l'82% degli aventi diritto - emerge infatti molto ridimensionato il Pvv dell'ultradestra guidato da Wilders (20 seggi), mentre al primo posto, pur perdendo diversi deputati, si attestano i liberali del Vvd (33 seggi), finora al governo, dello stesso Rutte. Bene anche i cristiano-democratici della Cda e i liberali di sinistra (entrambi con 19 seggi) e i verdi (14), mentre fa ingresso alla camera bassa il partito antirazzista Denk (3 seggi). Sollievo dunque in molti ambienti d'Europa, anche se formare un governo di coalizione non sara' facile per Rutte: i compagni di viaggio della scorsa coalizione, i socialdemocratici, crollano ai minimi storici, con una manciata di seggi (9). Rutte parla di un risultato "importante per tutta l'Europa. L'Olanda dopo Brexit ed elezioni americane ha detto no al populismo".

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077