Menu
Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”,  il grande teatro che è vita

Teatro Quirino. “Erano tutti miei figli”, il grande teatro che è vita

ROMA - Verso la fine dell’Edipo re di Sofocle, Giocasta...

Non siamo un popolo di evasori

Non siamo un popolo di evasori

I dati presentati quest’oggi dal prof. Giovannini ci autorizzano a...

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Prev Next

In Olanda vince il liberale Rutte

In Olanda vince il liberale Rutte

AMSTERDAM - "Un voto per l'Europa, un voto contro gli estremisti".

Il primo a telefonare a Mark Rutte, premier olandese, e' stato Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Ue. Alla luce dei risultati elettorali nel Paesi Bassi, il capo dell'Esecutivo di Bruxelles ha voluto ringraziare Rutte per aver arginato il populismo xenofobo e antieuropeo del suo antagonista Geert Wilders. Dalle urne - ha votato ben l'82% degli aventi diritto - emerge infatti molto ridimensionato il Pvv dell'ultradestra guidato da Wilders (20 seggi), mentre al primo posto, pur perdendo diversi deputati, si attestano i liberali del Vvd (33 seggi), finora al governo, dello stesso Rutte. Bene anche i cristiano-democratici della Cda e i liberali di sinistra (entrambi con 19 seggi) e i verdi (14), mentre fa ingresso alla camera bassa il partito antirazzista Denk (3 seggi). Sollievo dunque in molti ambienti d'Europa, anche se formare un governo di coalizione non sara' facile per Rutte: i compagni di viaggio della scorsa coalizione, i socialdemocratici, crollano ai minimi storici, con una manciata di seggi (9). Rutte parla di un risultato "importante per tutta l'Europa. L'Olanda dopo Brexit ed elezioni americane ha detto no al populismo".

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208