PRIMO PIANO

ROMA - Spuntano nuove ombre sul rapporto tra Silvio Berlusconi e Vladimir Putin, che guarda caso riguardano sempre il famoso gasdotto  costruito da Gazprom  in collaborazione con l'Eni.

Giovedì, 02 Dicembre 2010 13:04

Monicelli tra le braccia dell'ultima madre

Scritto da

ROMA - C’erano le stelle stanotte sul quartiere Monti. C’erano le stelle, e i rumori fastidiosi delle parole piene d’odio verso Mario Monicelli, che aveva scelto con coraggio la sua fine, erano già uno sgradevole ricordo diventato monnezza che i netturbini raccolgono di notte nelle strade  del rione.

ROMA - Chi pensava di essersi separato da Mario Monicelli con il ricordo di lui in mezzo ai ragazzi delle scuole dello spettacolo, ancora ribelle alle ingiustizie sociali, volute da chi ci governa, si sbagliava.

ROMA – Dopo aver incassato il via libera della Camera dei Deputati sul ddl Gelmini, il Presidente del Consiglio è tornato ad affilare le armi in vista del voto di fiducia previsto per il 14 dicembre.

ROMA - Ogni pretesto è buono per mettere fuori gioco Julian Assange, l'attivista australiano fondatore di Wikileaks che  recentemente ha divulgato milioni di files riservati del dipartimento di stato americano creando un vero e proprio terremoto diplomatico.

ROMA – Oggi, nel centro storico di Roma, in una zona assai vasta che parte da piazza Montecitorio, sede della Camera dei deputati, il governo Berlusconi ha militarizzato gli accessi, non consentendo a turisti e cittadini qualsiasi di poter accedere ai passaggi, alle piazze, ai negozi. La galleria Alberto Sordi, cuore commerciale romano, è stata chiusa d’autorità. Soltanto i giornalisti, esibendo il tesserino professionale, potevano avvicinarsi ai gangli vitali di un potere morente. “Non ho mai visto una cosa simile nella mia vita di giornalista a Roma” ha detto in diretta tv Iman Sabbah, giornalista palestinese di Rainews 24. Il segretario del Pd Pierluigi Bersani si è chiesto: “Se la preoccupazione è così alta da militarizzare la città, ma non potevano spendere qualche ora per aprire un confronto invece di portare la tensione a un livello così alto”? Qualcosa del genere è accaduto anche a Torino, Milano, Bologna, Padova, Napoli, Bari, Palermo. Insomma, in tutta Italia.

Le immagini degli studenti che hanno cercato in tutti i modi di penetrare nei labirinti del potere politico romano e quelle di polizia e carabinieri che hanno stretto un vero e proprio assedio alla vita dei romani, con un’ampia area urbana praticamente bloccata fino a tarda sera, fotografano meglio di qualsiasi altra cosa il dispotismo di un governo giunto allo stremo, che non ha più nessuna maggioranza parlamentare e nel Paese e che cerca di imporre con sempre minore forza una riforma universitaria che, fino a questo momento, piace soltanto alle Conferenze dei rettori, quindi a quei baronati che la propaganda berlusconiana dice di voler, proprio con questa legge, combattere.

La rivolta degli studenti per una finta riforma

Come nella Cina di fine anni Novanta, è in atto in Italia una vera e propria rivolta degli studenti contro la legge Gelmini di riforma dell’Università che, dopo la scientifica distruzione dell’istruzione pubblica (con tagli ai finanziamenti pari a 8 miliardi complessivi), ora si prefigge di rivolgere le sue mortali attenzioni anche alla ricerca e all’istruzione di ultimo livello. Il leader dell’Italia dei valori Antonio Di Pietro ha denunciato che “la 'dama salva-baroni’, con un subemendamento ha stravolto la proposta dell'Italia dei valori di eliminare le parentele e i nepotismi all'interno delle università. Un subemendamento fatto apposta per salvaguardare i baroni”.

La cosiddetta “riforma” dell’Università, secondo Pierferdinando Casini, è soltanto “un catalogo di buone intenzioni. C'è un giusto principio di meritocrazia ma solo con i principi non si va lontano, perché mancano le risorse” ed ha annunciato il voto contrario del suo partito. “Quella non è una riforma positiva dell'università” dichiara il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, parlando oggi alla Boccini ed aggiunge:  - “Si tratta di una modalità che rafforza, con buona pace della ministra, la logica precaria rispetto ai ricercatori e baronale dal punto di vista della conduzione. Siccome avremmo invece tutti bisogno di qualificare e rifinanziare il nostro sistema dell'istruzione, forse è meglio non fare quella legge e aprire una discussione vera”. Intanto oggi il Governo è stato ancora battuto su due emendamenti, passati con i voti dei finiani e delle opposizioni.

La deriva di una militarizzazione del dissenso

Nel 2007, l’attuale maggioranza (allora opposizione), con il futuro presidente del Senato Renato Schifani, rimarcò come la protesta di qualche centinaia di persone (inviate ed organizzate da Forza Italia) a Bologna contro Romano Prodi dimostrava lo scollamento del governo dal Paese reale. Oggi come dovremmo interpretare la rivolta studentesca in atto? Si tratta forse di qualcosa di più delle minimizzazioni indecenti (“andate a studiare!”, “manifestazioni strumentali”, “gli studenti manifestano a favore dei baroni”) della stampa berlusconiana e del megafono umano Capezzone. Forse si tratta della riproduzione fedele di un Paese allo stremo dopo i quasi dieci anni di potere berlusconiano. “Da settimane ricercatori, studenti e professori protestano contro una riforma dell'università che nei fatti distrugge quella pubblica di tutti e favorisce quella privata di pochi” scrive oggi sulla sua pagina di facebook l’europarlamentare Luigi De Magistris, che aggiunge: “L'estremismo è quello del governo, che sta aggredendo la democrazia fondata sul diritto all'istruzione e che sta cercando, irresponsabilmente, di militarizzare gli spazi del dissenso, gestendo l'ordine pubblico in modo rischioso. Speriamo che il ministro Maroni dimostri un minimo senso di saggezza e non si senta, come accaduto diverse volte in passato, la reincarnazione di Scelba”.

Perché il pericolo, a prescindere da una riforma universitaria senza risorse, è proprio quello denunciato da De Magistris e che l’immagine odierna della Capitale ha mostrato a chi ha occhi per vedere: il golpe strisciante, l’uso della forza come a Genova nel 2001, la ricerca dello scontro e dell’estremizzazione teorizzata da Cossiga dei cortei per ferirli al proprio interno. In una parola, l’uso della violenza nel momento di massima crisi parlamentare di una destra berlusconiana che sta diventando sempre più pericolosa.

ROMA - Mentre la protesta studentesca continua su tutto il territorio nazionale, il governo è stato battuto per due volte, su emendamenti in cui il voto di Fli si è rivelato determinante per far  andare sotto la maggioranza. L'approvazione in seconda lettura del Ddl Gelmini è prevista per le 20 di questa sera, se non sorgeranno nuove problematiche.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208