PRIMO PIANO

Nonostante le promesse e gli sforzi non indifferenti (anche economici), molti dei problemi sociali rimangono irrisolti. Anzi alcuni pare siano peggiorati. Stando ai dati dell’Unicef, il problema delle mutilazioni genitali femminili (MGF) che si basa su pratiche tradizionali che vanno dall'incisione all'asportazione, parziale o totale, dei genitali femminili esterni, continua ad aumentare: si stima che nel mondo almeno 125 milioni di donne sono costrette a convivere con una mutilazione genitale.

Stamattina ho fatto una camminata sul lungolago, e tutte le persone che ho incontrato, abitanti o turisti che fossero, guardavano il Lago con occhi smarriti e desolati: il suo livello si sta abbassando a velocità impressionante, davvero a vista d'occhio. I pescatori professionisti fanno fatica a mettere in acqua le barche che giacciono piegate sui fianchi; sembra di essere in presenza delle grandi maree delle coste atlantiche.

Fateci caso: dove c’è un sindaco grillino succedono cose brutte di cui il primo cittadino pentastellato è ovviamente responsabile. A Torino, una serata juventina davanti ad un maxi schermo ha provocato una mattanza di tifosi.

BRACCIANO (RM) - Continua l’agonia del lago di Bracciano. Poche gocce di pioggia cadute fra martedì e mercoledì non hanno portato alcun beneficio al livello del lago in lenta ma costante diminuzione. A vederlo, sulle sue rive lo spettacolo è impressionante: fango, alghe in putrefazione, scogli che una volta erano sommersi e ora si seccano al sole, le piccole spiagge che facevano da corona al lago e la gioia dei bagnanti che le frequentavano sono oggi arenili devastati dove non trovi nemmeno più i cigni e i germani reali che ne erano gli abituali abitanti.

Paolo  Sorrentino non ce ne voglia, ma il titolo del suo fortunato film non poteva non diventare il punto di partenza di una serie di calembour che giocano sulla rima. Soprattutto in una città come Roma, dove soprattutto di questi tempi il binomio “la grande bellezza” suona come uno scherzo. Del resto, anche Federico Fellini ha visto il titolo del suo film “La dolce vita” saccheggiato per anni (e per fortuna non l’aveva chiamato “La grande dolcezza”) e non stiamo qui a ripercorrere tutte le variazioni sul tema. Anche se ce ne sarebbero a decine.

Lunedì, 24 Luglio 2017 09:04

Roma, “la grande secchezza”

Scritto da

I primi ad accorgersi del problema sono i turisti, che non trovano più le celebri fontane di Roma dove sguazzare per rinfrescarsi dopo il tour de force fra Colosseo, Foro Romano, San Pietro e i vicoli di Trastevere. E soprattutto non trovano più le fontanelle, che da secoli buttano acqua potabile senza subire l’affronto di un rubinetto. Ma ben presto saranno anche i romani a toccare con mano il dramma della siccità: si dice che l’Acea imporrà dei turni, otto ore al giorno rubinetti a secco, a rotazione nelle utenze private.

Lunedì, 24 Luglio 2017 09:00

Pino Pelosi se na va tra misteri non detti

Scritto da

C’è un titolo di Pier Paolo Pasolini che meglio di altri descrive la triste e disperata parabola Pino “la rana” Pelosi ed è “Una vita violenta”. Perché Pino, che secondo ricostruzioni ufficiali e una sentenza passata in giudicato sarebbe stato l’assassino materiale del poeta, scrittore e regista di origini friulane, altro non era, in fondo, che un “ragazzo di vita”, uno dei protagonisti delle opere pasoliniane, un povero cristo nonché la vittima sacrificale di un gioco molto più grande di lui.  

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077