Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Il punto

La lunga notte dei lavoratori Alitalia. Ognuno faccia la sua parte

Una lunga notte quella dei lavoratori dell’Alitalia. Una lotta che dura da anni, da quando nel 2008 l' Alitalia pubblica precipitò sull’altare della privatizzazione lasciando a casa oltre 10.000 lavoratori, perdendo in 7 anni più di quanto avesse mai perso in tutta la sua storia  e scaricando un costo sociale enorme sulla collettività.

Leggi tutto...

Earth Day, i bambini più green e ambientalisti degli adulti

Anche quest'anno si è celebrato in tutto il mondo l'Earth Day, la Giornata della Terra promossa dalle Nazioni Unite. Si tratta di un momento molto importante, nato per sostenere la formazione di una nuova coscienza ambientale e la salvaguardia del pianeta Terra.

Molte sono le preoccupazioni che interessano il futuro del nostro pianeta, stretto fra cambiamenti climatici e uso irresponsabile delle risorse naturali. Ma c'è chi, nonostante tutto, ha fiducia in un futuro positivo: i nostri bambini.

Con l'associazione Family Smile, che indaga e studia il mondo degli adolescenti e dei bambini, abbiamo svolto una ricerca sulle aspettative dei bambini sul tema dell'ambiente in alcune classi di istituti romani. Dallo studio è emerso che il 35% dei bambini ritiene il mondo di oggi "eccellente" o "buono", il 41% lo ritiene nella media e solo il 24% ha una cattiva impressione del pianeta. I dati sono ancor più positivi se ci si sposta sulla percezione della vita quotidiana: il 66% dei bambini qualifica come "eccellente" o "buono" il posto in cui oggi abita, il 28% ha un'opinione media e solo il 6% lo ritiene "cattivo" o "pessimo".

Ma i dati migliorano ulteriormente se si chiede ai nostri bambini di immaginare il mondo tra 20 anni: il 98% di loro dice di sentirsi molto o abbastanza fiducioso sullo stato del pianeta. Nello specifico, il 70% lo immagina "eccellente" o "buono", il 14% "medio" e solo il 16% "cattivo" o "pessimo".

Abbiamo, infine domandato ai bambini chi fossero secondo loro le figure che mettono in atto le migliori pratiche per migliorare l'ambiente e il 28% ritiene che sia la scuola, il 22% i genitori, il 13% i media, il 14% le imprese, l11% gli adulti e infine il 12% i giovani.

Ciò che emerge da questa ricerca, in definitiva, è che i bambini sentono come importante e prioritario occuparsi delle tematiche ambientali e vogliono sentirsi coinvolti nei processi di tutela del verde. Insomma, i nostri bambini appaiono essere più green e ambientalisti di molti adulti. E questo fa ben sperare.

Leggi tutto...

Istat: dalla povertà alla disoccupazione, tutti i dati dimostrano una situazione allarmante

I dati diffusi dall’Istat oggi sulla situazione economica del nostro Paese destano allarme e preoccupazione su ogni fronte: da quello della povertà (sono 4,5 milioni gli italiani in povertà assoluta), a quello dell’occupazione (il nostro Paese è penultimo un Europa in relazione al tasso di occupazione, peggio di noi solo la Grecia!).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208