Venerdì, 17 Agosto 2012 10:26

Europa senz’anima. Italia, l’aridità del deserto

Scritto da

ROMA - Non  riusciamo a guardare più in là dei nostri occhi. L’imperativo categorico  che l’Europa governata  dalle forze conservatrici, dalle destre di varia gradazione ci impone, l’austerità, senza se e senza ma, trova pratica realizzazione in alcune parole: “ Bisogna fare i compiti a casa”.

E Monti per primo afferma che li abbiamo fatti, li stiamo facendo nel nome del rigore e dell’austerità quando si rivolge  ai commissari europei, alle “troike”, tecnocrati che nessuno ha eletto, che decidono  quando stringere il capestro intorno al collo dei paesi più deboli che avrebbero bisogno di solidarietà, di aiuto. Quelli che  hanno gettato nel baratro la Grecia e che proprio in questi giorni decideranno se gli impegni presi dal governo ellenico sono stati mantenuti . In caso affermativo arriveranno soldi in prestito. In caso negativo, pollice verso. E’ bastato che un giornale diffondesse  la notizia che le autorità greche avrebbero chiesto dilazioni per  quanto riguarda  il ripiano del debito pubbliche per  vedere scattare i falchi tedeschi. Nein, pagare subito e guai alla Banca centrale europea, una “ bad bank,” se muove una foglia.


“Fare i compiti a casa “ causa del disastro europeo

 Ma questo imperativo categorico, fare i compiti a  casa,” è proprio alla base del disastro europeo.   Una crisi economica dai riflessi sociali pesantissimi che dura da ormai cinque anni e non si vedono vie di uscita si può definire solo con la parola disastro, aggiungendo anche morale, culturale, di civiltà. Una Europa senza anima che dimentica la sua storia, nel bene e nel male, mette in soffitta parole come uguaglianza, solidarietà, libertà, la rivoluzione francese, dimentica di essere la patria del diritto. Non guarda più al mondo, non diventa punto di riferimento. Il nostro Paese in particolare  sempre più si rinchiude in se stesso, sempre più arido, privo di slanci, incapace di indignarsi di fronte alle ingiustizie che percorrono il mondo. Neppure di fronte ala morte di centinaia di migliaia di persone in tante parti del nostro vecchio pianeta ci si scuote. Certo c’è anche, fortunatamente, chi non si adegua , è ancora capace di pronunciare la parola pace. Ma la passività, l’indifferenza è grande.

Un mondo di guerre, morte, ingiustizie


 Prendiamo una giornata qualsiasi: i civili trucidati in Siria da un dittatore sanguinario non si contano più, gli aerei di Assad massacrano il popolo di Aleppo, la polizia spara e uccide i minatori in Nigeria,  in Pakistan una strage di pellegrini sciiti,  in Israele viene svelato un piano del governo per attaccare l’Iran che sta sempre più rafforzando il suo arsenale nucleare, in Tibet si danno fuoco non solo i monaci ma anche i civili,nella Russia di Putin, un dittatore moderno, si arresta  chi manifesta e chiede la libertà per le ragazze del gruppo punk Pussy Riot che hanno osato fare ironia sul presidente, già capo del Kgb, la terribile polizia segreta sovietica. Rischiano tre anni di carcere con l’accusa ridicola di “ teppismo smodato da odio religioso”. Qualche titolo sui giornali, ma non in prima pagina. C’è qualcuno del governo che dice una parola? C’è una politica estera  del nostro Paese? Anche una forza del centrosinistra come il Pd, o Sel, prenda una qualche iniziativa?  No, siamo alle prese con “ i compiti da fare a casa”. Ma questi “compiti” hanno o no qualcosa a che fare con ciò che avviene nel mondo? Per esempio le elezioni americane interessano  o no la vecchia  Europa ? E perché Obama ogni giorno incita il vecchio contenente a prendere iniziative per la crescita? No , noi abbiamo a che fare ogni  giorno con le dichiarazioni di  Grillo. Ogni giorno uno sballo.

Il faccione di Grillo e quello di Mussolini

Ora si presenta sul suo blog, con il faccione di Mussolini alle spalle, un faccione che  il 16 novembre del 1922, pochi giorni dopo la marcia su  Roma a proppsito del Parlamento diceva: “ Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli:potevo sprangare  il Parlamento e costituire bun governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo,voluto.”

.Sappiamo come finì. Il faccione del comico lo imita, con parole ancora più virulente. Vuole proprio eliminare il Parlamento, magari governare con il suo blog . Queste ondate di populismo, di qualunquismo, sempre di destra, cui anche Di Pietro dà una mano, hanno qualcosa a che fare con quanto accade nel mondo?  O sono un incidente di percorso?Non è un caso che nell’Europa senza anima destre eversive, fasciste, trovano spazio, sono un pericolo crescente per la democrazia. E in Italia la campagna contro i partiti , nella quale si cimentano anche molti che scrivono sui grandi giornali,che certo hanno le loro colpe ma senza i quali non esiste democrazia è o no un terreno di coltura per pericolose involuzioni? Non basta “fare i compiti  a casa”. Anzi può essere un  rendere ancora più arido il deserto in cui stiamo vivendo. Forse è il caso ai alzare gli occhi e guardare il mondo.


.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]