Domenica, 21 Luglio 2013 17:08

Il governo operi un cambio di passo e lavori sulle priorità

Scritto da

C'e un dato che da solo riassume la gravità dell'attuale situazione economica e sociale, quello contenuto nella relazione del 16 luglio scorso del Presidente dell'Inps Antonio Mastrapasqua: dal 2009 al 2011 sono stati impiegati 80miliardi di euro per gli ammortizzatori sociali.

Venti miliardi l'anno, quasi un miliardo e ottocento milioni al mese. Una cifra colossale che spiega come, nonostante la profondità della crisi, ci sia stato un contenimento del conflitto sociale. Un'altra riserva di risorse è stata, negli stessi anni, il cosiddetto welfare familiare,cioè i risparmi delle generazioni entrate a lavoro alla fine degli anni sessanta, con alle spalle un lavoro stabile durato 35-40 anni e con pensioni dignitose. Risorse che sono servite a sostenere i figli in cassa integrazione e i nipoti con un basso reddito da lavoro precario o senza occupazione. Adesso entrambe queste disponibilità si stanno esaurendo. Non a caso stiamo insistendo, come Partito Democratico, per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, al fine di coprire i fabbisogni del secondo semestre di quest'anno: all'appello manca un miliardo e quattrocento milioni di euro. L'autunno che abbiamo di fronte, segnato da una crescita delle crisi aziendali e della disoccupazione, sarà durissimo. Occorre quindi un cambio di passo nell'azione di governo e una più precisa individuazione delle priorità. Non possiamo concentrare la nostra attenzione soltanto sull'Imu e sull'Iva, che andranno comunque rimodulate nel segno dell'equità sociale, ma che non potranno ipotecare da sole le poche risorse disponibili. Il paese ha bisogno di risposte su alcuni temi particolarmente urgenti: l'effettiva restituzione dei debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese,il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, la diminuzione strutturale del costo del lavoro e la correzione del sistema pensionistico. Su quest'ultimo punto è importante che il Governo sia tornato a parlare della soluzione del problema dei cosiddetti esodati, ma questo non è sufficiente. Occorre anche inserire un criterio di flessibilità nel sistema pensionistico che restituisca alla riforma del governo Monti quella gradualità che è stata brutalmente negata con l'innalzamento dell'età pensionabile a 67anni. Una giusta correzione alla riforma  sulle pensioni può favorire nuove assunzioni, soprattutto di giovani. Nell’attuale situazione di crisi il brusco innalzamento dell’ eta’ pensionabile ha contribuito a bloccare il turn over nelle aziende, già’ poco propense ad assumere in un momento d’incertezza economica. Risolvere il problema dei cosiddetti esodati, e introdurre un criterio di flessibilità nell’uscita dal lavoro verso la pensione  rappresenterebbe una spinta al rinnovamento degli organici aziendali.

Cesare Damiano

Presidente Commissione Lavoro Camera dei Deputati


www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]it