Mercoledì, 18 Dicembre 2013 16:05

Google tax. Il rischio di buttar via acqua sporca e bambino

Scritto da

ROMA - In materia di innovazione in particolare per quanto riguarda la comunicazione il governo, le istituzioni non brillano. E anche le forze politiche non sono da meno. A volte pare che addirittura ignorino o sottovalutino le conseguenze di talune decisioni, spesso affrettate.

Il conflitto di interessi per esempio viene ignorato. Altre volte si fa  un passo avanti e se ne fanno due indietro o viceversa. L’esempio più vicino  ci viene dalla legge di stabilità in discussione alla Camera. Una nota positiva è stata l’introduzione del principio sotteso alla vexata quaestio della cosiddetta «Google tax». Vale a dire che i ricchi devono pur pagare adeguatamente le tasse, per contribuire fattivamente all’età digitale. Purtroppo, però, una giusta intuizione è stata avvolta in un abito formale assai opinabile, che rischia di buttare via acqua sporca, bambino e tutto il resto.

 

Sarebbe stato utile un raccordo a livello europeo

 

Il tema è in corso d’opera a livello europeo e un raccordo comunitario sarebbe stato utile, anche in vista dell’agognata presidenza italiana dell’Unione. Attenzione, però. Bando ai fariseismi di commenti curiosi e tardivi. Ora si infoltisce, infatti, il coro dei no agli emendamenti proposti (e approvati dalla commissione bilancio della Camera) alla legge sulla stabilità. Legittimo, ci mancherebbe. Peccato che quei testi sono noti da diverse settimane e un dorato silenzio li aveva finora accompagnati. Non della rete, già perplessa da tempo; non delle cronache da Montecitorio, dove nel racconto qualche scampolo filtrava. Ma certo nella grancassa mediatica solo adesso il capitolo della tassazione italiana degli «over the top» è rimbalzato vorticosamente. Ne ha parlato anche il neo segretario del partito democratico nella relazione introduttiva dell’assemblea nazionale di Milano, ma ha collegato la critica allo sconforto per l’arretratezza in materia, come è il caso increscioso del regolamento varato dall’Autorità per le comunicazioni sul copyright on line. 

 

 

Agcom. Maniere forti sul tessuto connettivo della rete

Sul punto va segnalata la strana determinazione dell’Agcom, che tuttora non ha affrontato adeguatamente il delicato tasto del mercato pubblicitario, mentre ha usato le maniere forti sul tessuto connettivo della rete. Il lavoro intellettuale si tutela sul serio aggiornando le culture giuridiche, ferme all’era analogica: non con inutili e rischiose grida manzoniane. Speriamo davvero che il tempo porti consiglio e che l’esecuzione del regolamento attenda doverosamente il varo di una legge del parlamento. 

Assurdo il pagamento delle notizie veicolate in rete

Altro buco nero è l’entrata in scena nel provvedimento chiamato «destino Italia» del pagamento delle news tratte dai quotidiani e veicolate in rete. Qui siamo al grottesco e all’eterogenesi dei fini. Se è vero che il settore ha perso circa un milione di copie nell’anno passato, si pensa di recuperare dichiarando guerra ai lettori del futuro, che oggi preferiscono Internet? Non sarebbe di gran lunga preferibile aiutare la crescita di un consumo cross-mediale? Et et, non aut aut. 

Per gli editori una vittoria di Pirro

Con simile norma gli editori otterrebbero una vittoria di Pirro e la certa disaffezione di un enorme pubblico potenziale. Tra l’altro, è persino imbarazzante sentire gli inutili sermoni sull’Agenda digitale, sull’urgenza di cambiare il modello e il paradigma produttivi, per poi vedere le cadute pratiche. Da MediaEvo. È in corso un vasto e non indolore ricambio generazionale.

 Che senso ha fare del male proprio ai nativi digitali? E beato il mondo che non ha bisogno di eroi, per evitare scivolate gravi e insieme ridicole. Si cancelli il divieto di usare gli articoli on line. E si ri-formuli la «Google tax» affinché non vi siano dubbi sul fatto che non è e non deve diventare una tassa sul web. Ha senso se è un prelievo sui gruppi sovranazionali, a favore dei comparti più deboli e meno legati al mercato del villaggio globale.

Ps. In questo articolo ci sono delle citazioni. In base alle ultime trovate del governo si deve pagare qualche royalty? Forse ai discendenti di Lenin? (Un passo avanti e due indietro…)

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]