Lunedì, 13 Luglio 2015 17:04

Delusione Tsipras, la Grecia si prepara ad una nuova schiavitù

Scritto da

ROMA - Bisognerà attendere alcune settimane, forse mesi, per vedere quali saranno le reali conseguenze che si ripercuoteranno in Grecia e soprattutto quale prezzo pagheranno i suoi abitanti.

L'accordo che il premier Alexis Tsipras ha firmato è un bagno di sangue. C'è poco da esultare, come fanno certi esponenti politici che si vogliono illudere della bontà delle banche. Tra aumenti dell'Iva e riforma delle pensioni, l'austerity tornerà più invasivo di prima, lo stesso che i greci avevano scongiurato eprimendosi al referendum con un netto "no".

Cattiva sorte e politici senza coraggio, questa la conclusione della vicenda greca che in qualche modo aveva fatto illudere milioni di persone che questo ordine economico del neoliberismo si potesse rovesciare o per lo meno ridefinire insieme, rimettendo al centro dell'attenzione l'essere umano e non la finanza e gli affari delle banche com'è sempre stato. Ideali troppo ambiziosi? Nient'affatto.

Tsipras l'aveva pensato, ma non ha voluto concludere a testa alta la sua partita politica, ha ceduto davanti ai potenti, tradendo anche il risultato di un referendum che lui stesso aveva fortemente voluto. Inutili le garanzie sul nuovo accordo che impedirà il ritorno della recessione e il collasso del sistema bancario greco.Tsipras si è nuovamente prostrato al cinismo, ad una Germania che, forte della sua economia, ha dettato legge fino all'ultimo minuto in uno scontro serratissimo. Non è un caso che i giornali ellenici di oggi richiamano alla memoria perfino la seconda guerra mondiale e l'umiliazione imposta ad Atene, ricattata da Schaeuble che ne voleva imporre l'uscita dall'Euro. 

"I tedeschi stanno tornando, non con la forza delle armi, ma con quella dell'economia" titola oggi un quotidiano greco.  E non è tutto. Oggi con il rientro di Tsipras si prospettano nuovi scenari. Dovrà infatti convincere il Parlamento ad accettare una proposta che trasuda sacrifici di lacrime e sangue, molto più dura di quella a cui dissero no il 5 luglio i greci.Deve vedersela con il suo popolo, i cui entusiasmi si sono spenti improvvisamente, tra l'altro in un frangente socio economico già compromesso. 

In un contesto così delicato è probabile siano stravolti anche gli equilibri interni al governo. Insomma, questo salvataggio in extremis ristabilisce la troika e mantiene il Paese nello stato di una vera e propria colonia del debito guidata dalla Germania con la complicità dell'Eurogruppo.  

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]