Mercoledì, 12 Agosto 2015 13:39

L’Europa "collaborativa" ci restituisce oltre 12 mila migranti. Italia sempre più sola

Scritto da

ROMA -  La Marina Militare li salva, l'Italia li accoglie preventivamente, loro fuggono e gli altri Paesi ce li restituiscono.

Ecco cosa accadde in questa Europa "unita", ma  dall'individualismo e dai numeri della finanza. "Sono migranti irregolari entrati da voi e noi ve li restituiamo". Questa in sintesi la giustificazione dei Paesi UE che ci hanno riconsegnato con un "benservito" i migranti entrati "clandestinamente" nel loro Paese. Persone che nella loro disperazione stanno tentando in tutti i modi di passare le frontiere e magari raggiungere i loro cari. Parliamo di 12.456 persone che gli altri stati membri dell'UE hanno rispedito in Italia dal 1 gennaio al 31 luglio 2015, contro i 591 che l'Italia ha riconsegnato  ai Paesi confinanti.   A dirla tutta il numero esatto di persone che avrebbero dovuto tornare il Italia era di 16mila, ma per 4 mila persone non è stato possibile accertare se erano giunti attraverso l'Italia. Stando a quanto riportano le cronache la Francia aveva riconosciuto che  11.202 migranti erano arrivati dall’Italia, ma la cifra è stata contestata e alla fine si è arrivati a quota 7758. Si tratta di uomini e donne di origine per lo più eritrea, etiope, marocchina, afghna, tunisina e sudanese tornati nella nostra penisola.

Va da se che l'Italia è costretta a gestire da sola questo fenomeno incontrollato, in cui finora sono stati tratti in salvo  complessivamente ben 188 mila migranti (dati Oim ndr). Un numero che continua a salire di giorno in giorno, nonostante la disponibilità limitata dei centri di prima accoglienza italiani, i famigerati Cie che oggi sono stati ridotti a 539 contro i 1813 di qualche anno fa.

Senza contare le vittime del Mediterraneo molte delle quali resteranno senza un nome e senza una madre patria. Solo quest'anno si contano oltre 2mila cadaveri ripescati nel mare, come fa sapere l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. Insomma l'Italia con la sua umanità è tra incudine e martello. Da una parte l'esodo di chi fugge da guerre, persecuzioni e povertà, dall'altra gli stati membri di un'Europa che se ne lavano le mani, dimostrando il loro crudele individualismo.

Alessandro Ambrosin

direttore responsabile

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]