Giovedì, 29 Ottobre 2015 14:00

Caso Marino, “Non smettiamo di indignarci”

Scritto da

ROMA - E’ ufficiale dunque: Marino ha ritirato le dimissioni e vuole andare alla conta in Aula, sperando di recuperare agli occhi del mondo politico e dell’opinione pubblica un minimo di credibilità. Questo però non accadrà. Al di là dell’esito di questa vicenda, difficilmente il sindaco - sul piano formale lo è ancora - potrà sanare la ferita che ha aperto in seno a questa città.

Le lotte interne al Pd romano, figlie legittime di quelle aperte nel partito a livello nazionale, in questi giorni sono emerse in maniera prepotente, quasi a far pagare un conto che si era aperto con la candidatura mal digerita di questo genovese, dal primo momento corpo estraneo rispetto alla città e alla sua politica. Quella candidatura, insomma, era nata male e di conseguenza anche la sua elezione a sindaco. Qualcuno ha osservato che non tutta l’esperienza della Giunta guidata da Marino va giudicata negativamente. Ma una cosa è certa: mai nessuno avrebbe potuto immaginare un esito più imbarazzante e avvilente. Per la città innanzitutto e per i suoi cittadini. E’ vero, i romani ne hanno viste tante e sono abituati alla tracotanza del palazzo, ma questa volta c’è qualcosa di inedito. E’ il modo con cui si stanno trattando le istituzioni cittadine con un balletto indecoroso di decisioni, dietrofront, annunci e ‘ci penserò’. E il ceto politico che ruota attorno a tutto questo appare ancora più disorientato, privo di incidenza politica. Il partito di maggioranza, ovvero il Pd, in primis.

Ma quello che è ancora più grave è che si sta alzando l’asticella, sì l’asticella del degrado e dell’irresponsabilità della politica. Ciò vuol dire che se ora siamo almeno sconcertati per quanto sta accadendo, la prossima volta (anche se speriamo vivamente che non ci sarà), lo saremo un po’ meno fino a quando non ci scandalizzeremo affatto. Insomma, il pericolo è l’assuefazione. Così come ci siamo assuefatti agli scandali, alle tangenti, alle ‘dame nere’ e agli arresti per corruzione per appalti e gare truccate. Nel ’92 ai tempi di Mani Pulite c’era stato un sussulto da parte dell’opinione pubblica per le ruberie dei partiti. L’intero Paese si era indignato e aveva alzato la voce. A distanza di 14 anni, a quanto pare le mazzette non hanno mai smesso di girare, gli scandali ci sono ancora, ma nessuno si indigna più.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]