Venerdì, 09 Settembre 2016 18:35

Camera chiusa un lustro e lavori straordinari per miliardi. Succede a Londra

Scritto da

ROMA - Nella ristretta cerchia di chi si è dedicato a confrontare i costi della Camera dei deputati e della House of Commons basandosi sulle cifre reali si sono ormai affermate due scuole di pensiero. L’una ritiene che la Camera dei deputati costi sensibilmente meno della HoC, con differenze che arrivano fino ai 50 milioni di euro annui di costo in meno a carico dei contribuenti italiani rispetto ai contribuenti inglesi.

La seconda scuola di pensiero, cui appartiene anche chi scrive, ritiene che la Camera costi all’incirca la stessa somma o pochissimo meno della HoC, con un minor aggravio sulle tasche dei contribuenti di non più di qualche milioncino. Ma entrambe le scuole si sbagliavano, la Camera costo molto meno della House of Commons, un importo compreso tra i 150 e i 410 milioni di euro annui.

La nota. Perché esistono due scuole di pensiero? Stimare le grandezze non espresse

Ci si chiederà come mai esistano due scuole di pensiero che partendo dagli stessi dati reali riescano ad arrivare a risultati distanti. Il punto è che i due “contenitori”, i due bilanci della Camera e della HoC, non contengono le stesse spese e che quindi, per renderli confrontabili, è necessario aggiungere o sottrarre delle voci ad uno dei due bilanci, e trattandosi di grandezze spesso solo stimabili, il risultato cui si arriva è soggetto ad oscillazioni.

Tra le somme che vanno aggiunte al bilancio che non le espone (o sottratte al bilancio che invece le espone) ricordiamo, a titolo di esempio, le pensioni degli ex dipendenti della HoC, che non sono a carico del proprio bilancio, le indennità dei deputati in carica e le pensioni degli ex deputati della HoC, anch’esse escluse dal bilancio inglese,  i costi della biblioteca, che sono a carico del bilancio della Camera dei deputati ma sono assenti in quello inglese, i costi della sicurezza agli ingressi, sostenuti in Italia dal bilancio della Camera e nel Regno Unito dal bilancio di Scotland Yard.

La notizia. Westminster chiude per vari anni. Miliardi di sterline in lavori

Ieri sono stati resi noti alcuni dettagli su una serie di lavori straordinari cui sarà sottoposta la sede della House of Commons. Si prevede in particolare di tenere chiuso Westminster per un periodo di 6 anni e di svolgere lavori del costo di circa 4 miliardi di sterline. L’International Business Times riporta inoltre vosi secondo cui sarà impossibile impiegare meno di 10 anni per completare la ristrutturazione con costi in salita fino ai 7 miliardi di euro.

Naturalmente il Parlamento continuerà la sua attività, verrà infatti trasferito, il costo del trasloco non è incluso nei 4 -  7 miliardi di sterline  previsti per i lavori, in un edificio nei pressi di proprietà di un ministero, neanche i costi derivanti dal fatto che il ministero sarà costretto ad affrontare per fare spazio ai propri uffici in altre sedi sono inclusi nei 4 – 7 miliardi. Tale edificio sarà adattato alle necessità di un Parlamento, e neanche i costi dei lavori nella sede temporanea sono inclusi. Alla fine dei lavori tutto il processo sarà invertito, riadattamento del palazzo alle necessità del ministero e ritrasloco presso Westminster sempre con costi ulteriori rispetto ai 4 – 7 miliardi di sterline preventivati per i lavori.

Come impatta questa notizia sui confronti?

Il bilancio della Camera dei deputati include i lavori sia di manutenzione ordinaria che di manutenzione straordinaria, che vengono affrontati anno per anno, il bilancio inglese vedrà invece questo tsunami di sterline uscire nel giro di pochi anni ricavandone poi la relativa utilità per numerosi anni. Ci troviamo quindi nella consueta difficoltà di confronto, avendo scelto le due camere basse di procedere in modi differenti.

Ci viene però in soccorso la HoC che aveva previsto un progetto alternativo alla chiusura e trasferimento temporaneo;  la messa in opera dei cantieri mantenendo in servizio la struttura. In questo caso i lavori sarebbero costati circa 6 miliardi di sterline, soggetti anch’essi a rialzo simile a quello previsto per i lavori a camera chiusa quindi fino ad un massimo ipotizzabile di circa 10 miliardi di sterline,  e sarebbero durati circa 32 anni. Ovvero circa 12 miliardi di euro pagati in comode rate di 375 milioni di euro annui per 32 anni.

Quindi ai due estremi della stima possiamo mettere i circa 5 miliardi in sei anni della ipotesi migliore ed i circa 12 miliardi in 32 anni della ipotesi peggiore. Importi, è bene ricordarlo, che sono del tutto ulteriori rispetto alle somme incluse nel bilancio della House of Commons.

Come far partecipare queste somme ai costi annuali?

Trattandosi di interventi che non riguardano solo una categoria specifica, e comunque eseguiti in un edificio avente necessità particolarissime, ritengo di adottare una quota del 3%, ovvero di spalmare le due somme su 33 anni. Si può quindi stimare che il costo annuo della House of Commons, allo scopo di effettuare un confronto corretto con il costo della Camera dei deputati, vada incrementato di una somma compresa tra i 150 ed i circa 360 milioni di euro annui, specificando che nel primo caso si tratta di una confronto a parità di risultato mentre nel secondo caso si tratta di un confronto a parità di scelta.

Il risultato finale

Il risultato finale è quindi, a seconda del tipo di strada che scegliete e della scuola di pensiero da cui partite, che la Camera dei deputati costa molto meno della House of Commons, in una misura compresa tra i 150 ed i 410 milioni di euro annui.

Amerigo Rivieccio

Laureato in Economia Aziendale ed abilitato all'esercizio della professione di Promotore finanziario; dal 2001 sono contabile alla Camera dei deputati. Prima di approdare a Montecitorio sono stato ragioniere:
alla Presidenza del Consiglio; al Comune di Napoli; in una cava di inerti.
Ma sono stato anche Funzionario dell'Unione europea e arbitro nazionale di pallacanestro.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Musica. Note fuori le righe

I fiori di J.S. Bach

Preludi costruiti per presentare un tema noto in fuga, le toccate per organo di J.S.Bach sono vere e proprie “introduzioni” o “intonazioni” improvvisate, composte per il piacere di suonare a...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Cultura

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]